Venezia: in giro per chiese COMMENTA  

Venezia: in giro per chiese COMMENTA  

In passato Venezia possedeva 123 chiese, oggi ridotte a 93, ricche di tesori d’arte, molti dei quali di celebri artisti che hanno segnato le tappe principali della storia dell’arte italiana ed europea. Tiziano, Veronese e Tintoretto sono solo alcuni dei nomi più celebri, che potrete ammirare visitando le chiese veneziane. Dalle chiese gotiche dei Santi Giovanni e Paolo, dei Frari e di Santa Maria dell’Orto, alle rinascimentali San Giobbe e Santa Maria dei Miracoli, fino agli esiti del barocco nella chiesa dei Gesuiti, il repertorio è davvero ampio. Regina tra tutte le chiese è San Marco, meravigliosa cattedrale della città, ricca di marmi policromi, mosaici, pale, gioielli incomparabili. La chiesa è visitabile tutti i giorni gratuitamente, sono a  pagamento l’ingresso al Tesoro di San Marco e alla zona dietro l’altare con la Pala d’Oro. Una menzione particolare merita San Zan Degolà, costruita nel 1007 in stile bizantino, con affreschi scoperti in occasione dei restauri terminati nel 1994.


Altre chiese visitabili gratuitamente sono la chiesa degli Scalzi (all’uscita dalla stazione dei treni di Santa Lucia), Santi Apostoli, Gesuiti, San Francesco della Vigna, San Trovaso, San Nicola da Tolentino, San Zaccaria, San Pantalon, dei Carmini, San Marcuola, San Raffaele, San Giorgio Maggiore, San Salvador, Santa Maria della Salute, San Nicolò dei Mendicoli, San Rocco.

Altre sono inserite nel circuito Chorus, che richiede un pagamento di 3 euro per ogni singolo ingresso, oppure offre la possibilità di fare la Chorus Pass al prezzo di 10 euro (o 7 euro se ridotto), per visitare l’intero circuito comprendente sedici chiese.

Con la Chorus Pass potrete visitare: Santa Maria del Giglio, il museo di Santo Stefano, Santa Maria Formosa, Santa Maria dei Miracoli, San Giovanni Elemosinario, San Polo, Santa Maria Gloriosa dei Frari, San Giacomo dell’Orio, San Stae, Sant’Alvise, Madonna dell’Orto, San Pietro di Castello, Santissimo Redentore, Santa Maria del Rosario, San Sebastiano, San Giobbe.

L'articolo prosegue subito dopo

Altre chiese non rientrano in questo circuito, ma sono comunque a pagamento, come la splendida Santi Giovanni e Paolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*