Venezia: stroncato a 25 anni da un linfoma COMMENTA  

Venezia: stroncato a 25 anni da un linfoma COMMENTA  

Strappato alla vita,portato via senza poter interporsi e cambiare un triste destino. Cure vane e solamente una speranza recondita che è sempre l’ultima a morire.

Leggi anche: AIL, ecco chi assiste i malati di leucemia in Italia

Ma questa volta se ne è andata insieme a lui, Giacomo Martignon, ragazzo di soli 25 anni, deceduto ieri, combatteva da 5 anni contro il morbo di Hodgkin.

Leggi anche: AIL: tutti i modi per sostenere l’associazione

Un tumore. Il paese è interamente sotto shok e tutti si sono stretti attorno alla famiglia. Il ragazzo era in cura all’Istituto nazionale dei tumori di Milano, chemio, radio, autotrapianto e cure sperimentali.

Nulla. Originario di Zelarino, ma trasferitosi a Maerne già all’età di due anni, Giacomo era un ragazzo aperto, solare e pieno di amici. Si era laureato, nonostante la malattia avanzasse, in Ingegneria Energetica all’Università di Padova e studiava per la Specialistica.

L'articolo prosegue subito dopo

I funerali saranno celebrati mercoledì alle tre. Sarà presente tutto il paese per dare sostegno alla famiglia Martignon la quale chiede non fiori ma offerte da devolvere all’Ail, associazione italiana contro le leucemie. …continua.

Leggi anche

Inaugurazione della mostra Mestre in un documento dell'imperatore
Venezia

Inaugurazione della mostra: Mestre in un documento dell’imperatore

Si è inaugurata ieri la mostra presso la sala della Provvederia in via Torre Belfredo a Mestre Un nutrito gruppo di interessati ha potuto assistere all'apertura ufficiale della mostra dedicata all'importante documento che definisce un passaggio importante nella storia della città   Presso la sala della Provvederia alle ore 17 si è ufficialmente aperta la mostra 13 novembre 994 Mestre in un documento dell’Imperatore, presentata dall’Associazione Culturale Mestre Mia alla presenza del Presidente della Municipalità di Mestre – Carpenedo Vincenzo Conte e dall’Assessore alla Gestione del Patrimonio Renato Boraso. Una sala particolarmente simbolica per la città che seppur di ristrette Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*