I veneziani frustrati non sopportano più i turisti ai quali chiedono di andare via - Notizie.it
I veneziani frustrati non sopportano più i turisti ai quali chiedono di andare via
News

I veneziani frustrati non sopportano più i turisti ai quali chiedono di andare via

I veneziani frustrati non sopportano più i turisti ai quali chiedono di andare via
I veneziani frustrati non sopportano più i turisti ai quali chiedono di andare via

I veneziani ha messo la parola fine ai turisti chiedendo loro di andare via, in quanto dimostrano di non avere rispetto della città lagunare.

I turisti approdano nella città veneziana ogni anno, che attrae più di 20 milioni di persone l’anno. Ora i veneziani sono stanchi e intimano ai turisti di andare via.

Turisti andatevene”, “State distruggendo questa area“, si legge in alcuni manifesti in inglese. Uno di questi manifesti è stato anche appeso in una delle chiese più vecchie di Venezia, la San Giovanni in Bragora.

Un altro manifesto raffigura l’immagine di un colombo a cui viene gettato del cibo in terra, buttato in una pattumiera lungo Riva degli Schiavoni, una zona molto affollata di fronte a San Marco.

Il manifesto recita : “Basta, non sono il benvenuto”.

E’ chiaro come si legge da questi manifesti che i veneziani siano frustrati dal comportamento dei turisti.

La frustrazione ha raggiunto il massimo del culmine quando un signore che lavora negli yacht, della Nuova Zelanda, è caduto dal Ponte di Rialto direttamente in un taxi d’acqua.

Il 49enne, che è stato portato in ospedale con diverse ferite, ora affronta le spese per il trasporto pubblico.

Il sindaco della città, Luigi Brugnaro, ha espresso tramite Twitter il suo malcontento per la situazione che si sta creando.

Non è permesso tuffarsi nei canali”, urlano i locali, prima in inglese e poi in tedesco, come riporta il Corriere del Veneto.

“Venezia non è Disneyland”.

Il video è stato anche ripreso con un cellulare e postato in rete dove ha ottenuto più di 1000 visualizzazioni.

Si ricorda che Venezia contribuisce al turismo e all’economia del paese, quindi bisogna trattarla con rispetto.

“Le persone devono essere educate. La città ha bisogno di maggiore rispetto, anche da parte dei turisti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche