Ventilatore a colonna: quale acquistare in rete al miglior prezzo

Casa

Ventilatore a colonna: quale acquistare in rete al miglior prezzo

ventilatore

Tra i prodotti più gettonati con la stagione calda, il ventilatore a colonna è un oggetto che riscuote grande successo soprattutto sul mercato online.

Ventilatore a colonna: cos’è

Anche se all’apparenza si tratta di un oggetto dalla funzione alquanto banale, il ventilatore ha un suo immaginario di riferimento e una sua, pur piccola, mitografia. Parte di quest’ultima si sovrappone con quello dell’accendino Zippo, di cui abbiamo parlato in precedenza: si tratta di tutta la parte che fa riferimento al cinema noir della Hollywood classica, in cui entrambi gli oggetti figurano in maniera e misura ricorrenti. Solo che in quel caso si trattava di ventilatori a soffitto, oggetti che, al giorno d’oggi, trovi solo in qualche casa coloniale d’epoca o in signorili, ma abbastanza decadenti, alberghi vietnamiti (si tratta ovviamente di un’iperbole, per definire il grado di desuetudine di tali oggetti). Oggi, la praticità d’uso implica l’adozione dei più duttili ventilatori a colonna, quelli che emettono un getto d’aria prodotto all’interno, per l’appunto, di un telaio a forma di colonnina, con evidente riduzione dell’ingombro rispetto ai ventilatori da terra o da tavolo tradizionali, in cambio di prestazioni grossomodo analoghe.

Non serve neanche aggiungere che, con l’incedere dell’estate e le prime, poderose ondate di calore, il ventilatore a colonna sia uno degli articoli più gettonati per casa e ufficio, soprattutto per quanto riguarda il mercato online. Ed è proprio in ragione di ciò che, nei paragrafi che seguono, andremo a illustrare quali sono i migliori prodotti di tale famiglia che è possibile acquistare in rete senza il pericolo di incorrere in brutte sorprese. Buona caccia, e soprattutto buon refrigerio.

– AEG T-VL 5531

Il marchio – fondato in Germania, ma da tempo di proprietà del colosso svedese Electrolux – è di comprovata qualità, e da tempo fornisce numerose tipologie di dispositivi elettrici dalle prestazioni considerevoli. Non fa eccezione questo ventilatore di fascia media, inconcussamente destinato ad accontentare le richieste di chi, nel tentativo di procurarsi uno di questi articoli, non abbia manifestato particolari pretese, né abbia bisogno di prestazioni particolarmente spiccate (per quelle, d’altronde, ci sono i condizionatori e i climatizzatori). L’elegante telaio nero, con finiture argentate, poi, lo rende un oggetto degno persino di essere esibito come parte integrante (e, ci spingiamo a dire, niente affatto secondaria) dell’interior design di un appartamento moderno.

– Bionaire BTF005X-01

La parte migliore di questo ventilatore a colonna è rappresentata dai costi.

Sia il prezzo d’acquisto che i consumi, infatti, risultano davvero competitivi. Per il resto, si tratta di un prodotto di fascia media che, in alcuni aspetti specifici – ad esempio la potenza del getto, forse il tratto distintivo che maggiormente lo contraddistingue, in maniera persino smodata se vogliamo dirla tutta – aspira a qualcosa di più, pur non fornendo, in ogni caso, prestazioni da record olimpionico di categoria. A produrre il dispositivo, un’azienda statunitense specializzata proprio in riscaldamento, refrigerazione, deumidificazione e climatizzazione di interni, e ovviamente di tutti i prodotti connessi a tali processi.

– Klarstein Empire State

Prodotto di fascia medio-alta, e dal prezzo leggermente (o sensibilmente, a seconda dei punti di vista) più sostenuto, realizzato da un’azienda con sede a Berlino (ma ha filiali in tutto il mondo, Italia compresa) specializzata in prodotti per la casa di varia ed eteroclita natura, compresi macchine per il ghiaccio o frullatori a immersione.

Non degli specialisti, insomma. Eppure, questo grattacielo (si chiama così di proposito, in ragione della considerevole altezza, 110 centimetri il solo cilindro rotante, qualche centimetro in più se includiamo anche il piedistallo) si rivela un prodotto decisamente rifinito, con il suo bel display digitale issato sulla sommità, la capacità di rotazione di 180° in entrambe le direzioni (la rotazione è comunque regolabile), le tre velocità di emissione del getto selezionabili e un consumo di corrente elettrica di appena 45 Watt. Si tratta, in buona misura, della nuova frontiera dei dispositivi di refrigerazione: un tempo accusati di consumare troppa energia, e dunque di essere tra i corresponsabili dell’aumento dell’inquinamento nei mesi estivi, oggi hanno imparato (o meglio, lo ha fatto chi li progetta) a ottimizzare le risorse e produrre il massimo effetto con il minor consumo possibile. Con positive ricadute non solo per quanto riguarda l’emissione di agenti inquinanti, ma anche sulla bolletta del possessore di tali articoli.

– DCG B07111TTHR

Cosa nasconde quella che è, nel mucchio di brand più o meno eccellenti da noi selezionato, con ogni probabilità la marca più misteriosa del lotto di ventilatori a colonna da prendere in considerazione per un eventuale acquisto? Intanto, un solido – e tutto sommato persino elegante, nelle sue dimensioni compatte ma con una silhouette slanciata che in parte compensa – ventilatore dalle prestazioni medio cabotaggio, adattissimo in appartamenti e, più in generale, in piccoli ambienti.

In secondo luogo, un’aziendina (sia inteso come vezzeggiativo e non come diminutivo) brianzola che, con intraprendenza e lungimiranza, si sta facendo largo in questo specifico mercato a colpi di prodotti di buona qualità e incessante ricerca tecnologica. Il tutto coniugato con il buon Made in Italy sospeso tra industria e artigianato, fatto di ricerca dei materiali giusti e una bella cura delle linee di design. Anzi, sotto questo aspetto, questo ventilatore è da considerarsi persino uno dei prodotti più sobri del loro catalogo: se avrete la fortuna di scorrere quest’ultimo, infatti, vi troverete proiettati a ritroso negli anni sessanta, fra forme allungate e arrotondate, ardite asimmetrie e colori optical come se non ci fosse un domani. Anche questo è il genius loci presente sul suolo italico e non sempre debitamente valorizzato da chi avrebbe l’autorità per farlo.

– Bakaji B00CRMXRTK

Il marchio in questione è un hub di distribuzione per l’Italia di prodotti (più o meno) brandless, che di tanto in tanto si affaccia nelle zone di mercato più disparate e impensate.

Per quanto riguarda i ventilatori a colonna, ci propone un modello di fascia medio-bassa, dalle dimensioni considerevoli (siamo intorno al metro e mezzo, centimetro più centimetro meno) e dalla potenza non trascurabile, per giunta gratificato da un bel telaio color bianco perla. Non troppo duttile – il sistema di regolazione del flusso ha i suoi bei limiti -, conviene sempre tenerlo a distanza di sicurezza, onde non soffrire gli effetti di una corrente fredda eccessiva, soprattutto nei giorni particolarmente caldi. Se si ha la possibilità di agire in questo modo, questo ventilatore diviene un’opzione da considerare in maniera piuttosto seria.

– Macom Enjoy & Relax 997

Modello compatto ma potente, appartiene, se vogliamo, alla categoria ventilatori di lusso. A produrlo, una company britannica (con sede importante anche in Italia) celebre per le sue innovazioni tecnologiche. Le stesse che le consentono di fabbricare una colonnina di poco più di 90 centimetri di altezza, ma capace di sprigionare un fortissimo getto d’aria.

Dotato anche di linee gradevolmente arrotondate, non lo accomuniamo a un oggetto di design ma non lo consideriamo nemmeno un elemento disprezzabile, se collocato in un arredamento congruo. Prezzo niente affatto amichevole: è l’unico vero, e per molti versi inevitabile, difetto di questo ventilatore.

– DomoClip DOM347WV

A leggere il nome, sembrerebbe un altro di quegli hub di distribuzione di prodotti brandless di cui abbiamo fatto cenno un paio di paragrafi più su. In realtà, il marchio DomoClip proviene dalla Francia (da Strasburgo per la precisione), e si sta affermando come uno dei più autorevoli nel settore dei prodotti per la casa, in virtù della sua magnifica combinazione fra funzionalità e design. Un aspetto, quest’ultimo, che viene solennemente esaltato dal materiale promozionale della casa produttrice. In realtà, almeno per quanto riguarda questo modello di ventilatore, ci troviamo di fronte a un prodotto decisamente sobrio, in cui a risaltare come elemento originale è il colore verde pisello intenso di alcune finiture, come la base e i tasti posti sulla sommità. Per il resto, si tratta di un ventilatore dalle prestazioni medie tendenti all’alto, con un getto d’aria potente e costante e una buona distribuzione dello stesso. L’apoteosi della medietà, sembrerebbe, ma realizzata con un gusto molto esclusivo.

– Suntec Wellness CoolBreeze 12.000

Eccolo un vero pezzo di design, da chi, forse, meno te lo aspetti. Costa un po’ (ma non troppo), ma consuma una miseria (appena 38 Watt) e possiede una linea che coniuga eleganza, ergonomia e riduzione del coefficiente di ingombro. Alto ben oltre il metro (117,5 centimetri per la precisione), sottilissimo, con un bel getto dritto e potente e tre regolazioni scalari di velocità. L’atout è costituito dal pratico telecomando, intuitivo e facile da usare anche dai neofiti. Il nero lucido del telaio è un po’ funereo, ma la sagomatura rettangolare con angoli smussati lo rende più gentile e accogliente. Bello anche il display digitale sulla cima della colonna. L’azienda produttrice (da non confondere con la quasi omonima Suntech, azienda cinese leader nella produzione di pannelli solari) ha sede in Germania e, per come è costruito bene questo dispositivo, si vede.

– Rowenta VU6670 Eole Infinite

Design affascinante e decisamente fuori dagli schemi, almeno per questo genere di prodotti, quello proposto dalla storica azienda tedesca. Si tratta di un ventilatore sottile, slanciato e dal getto orientabile, che obbedisce a una non meglio specificata tecnologia di oscillazione a 180° capace di indirizzare il getto d’aria praticamente ovunque. Se sia o meno così innovativa, lo lasciamo stabilire agli esperti; noi ci limitiamo ad affidarci alle recensioni online, che oscillano tra il mediamente soddisfatto e il semi-entusiasta. Insomma, le referenze sono incoraggianti. Il prezzo, tutto sommato, pure.

– Tristar VE5977

Il modello più economico del lotto, distribuito da uno storico hub di prodotti brandless, conosciuto anche per uno dei suoi più celebri slogan: “La qualità non deve essere un lusso”. Ora, questo ventilatore le qualità le possiede sicuramente, anche se comunque fa riferimento a una fascia di prodotti dalle potenzialità ben delimitate. Adatto a piccoli ambienti, possiede un getto regolare e regolabile (a tre velocità) di media potenza. La tecnologia, poi, è un po’ cheap, e il prodotto appare a forte rischio di deterioramento. Ma se per caso pensate di utilizzarlo in maniera non intensiva (ad esempio, per rinfrescare alcuni ambienti della casa per le vacanze), avete forse trovato una sintesi ideale fra prezzo oltremodo conveniente e prestazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*