Kebab, il comune di Verone li mette al bando con una delibera COMMENTA  

Kebab, il comune di Verone li mette al bando con una delibera COMMENTA  

Verona, giro di vite contro i kebab e l’apertura di negozi di cibo etnico

Il sindaco Tosi: “Difendiamo la tradizione gastronomica italiana”

TRA PULIZIA E DISCRIMINAZIONE – L’ennesima ordinanza di Verona destinata a dar discutere e rivolta in particolare contro le attività dalla forte cultura mediorientale. Ma forse le cose non stanno esattamente così. Il sindaco di Verona, Flavio Tosi, e gli assessori alle attività economiche, Marco Ambrosini, e all’urbanistica, Gian Arnaldo Caleffi, hanno presentato oggi la delibera approvata dal consiglio comunale che vieta in centro storico l’apertura di nuove attività artigianali «per la produzione e la vendita di cibi etnici». In pratica, sembrerebbe, stop all’apertura di nuovi locali che producano kebab e affini, con un giro di vite su fritti e fast food. In questi anni Flavio Tosi si era già abbastanza distinto in un’accesa lotta contro le attività del kebab, ma stavolta trova contrasti molto forti anche in aula.

Leggi anche: Giornata mondiale contro l’AIDS: quasi 4000 casi nel 2015

BOTTA E RISPOSTA – Le motivazioni di chi ha presentato oggi la delibera sembrano essere principalmente tre: la prima è per una difesa della tradizione enogastronomica italiana, evidentemente in contrasto col kebab.

Leggi anche: Terra vista dallo spazio: stazione orbitale in diretta

La seconda di ordine pubblico, per il quale la delibera è allargata anche ai fritto. In pratica, niente più macchie d’olio in centro provocate da prodotti da fast food. La terza, anche se sottesa, è la classica guerra leghista ammantata di xenofobia: le attività straniere a Verona sono assai cresciute negli ultimi anni.

Ma gli avversari di Tosi e della Lega non ci stanno e non ci sono buoni ricordi a proposito. Già due anni fa Confartigianato aveva espresso «forti perplessità sulla conformità alla legge in tema di liberalizzazioni» della delibera in questione.

L'articolo prosegue subito dopo

E perfino il Tribunale ha condannato il Comune di Verona definendo «di natura discriminatoria» provvedimenti del genere. Riuscirà Tosi a portare avanti la sua battaglia?

Leggi anche

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell'estrema destra
Attualità

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell’estrema destra

 A cento anni  dalla morte dell'imperatore più amato, Francesco Giuseppe, l'Austria si riscopre epicentro di un destino europeo. Anche le elezioni presidenziali di oggi potrebbero segnare la fine di un mondo, di un  " mondo di ieri" come avrebbe detto Stefan Zweig, quello dei partiti tradizionali, quello del liberalismo democratico e quello del solido europeismo austriaco. La sfida è tra il candidato di quel mondo, Alexander Van der Bellen, e il rappresentante del populismo nazionalista, Norbert Hofer, esponente di un partito, la Fpoe, schizzato alle stelle in tutti i sondaggi cavalcando gli istinti più bassi provocati dalla crisi dei profughi del 2015. Leggi tutto
About Modestino Picariello 455 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*