Via D’Amelio: due nuovi indagati COMMENTA  

Via D’Amelio: due nuovi indagati COMMENTA  


Via D’Amelio, due nuovi indagati
La Procura di Caltanissetta fa i nomi di Maurizio Costa e Agostino Trombetta

Si chiama Maurizio Costa, 46 anni, residente nel quartiere palermitano dello Sperone uno dei nuovi indagati dell’inchiesta della Procura di Caltanissetta sulla strage di via d’Amelio.

Leggi anche: Roma: in occasione del Giubileo sospesa la circolazione di armi, munizioni ed esplosivi


Secondo il pentito Gaspare Spatuzza è lui il meccanico che avrebbe sistemato le ganasce della Fiat 126 poi trasformata dai boss di Brancaccio nell’autobomba per il giudice Paolo Borsellino.

Leggi anche: Codacons: in arrivo una stangata da 30 milioni per le famiglie, con il caro-benzina


Nei mesi scorsi, Costa è stato interrogato e messo a confronto con Spatuzza, ma continua a negare di aver mai lavorato su quella Fiat 126. Così, il procuratore Sergio Lari e i magistrati del suo pool l’hanno indagato per false dichiarazioni al pubblico ministero.


La posizione del meccanico palermitano potrebbe anche aggravarsi: Spatuzza sostiene che Costa non sapesse a cosa doveva servire la 126, ma il pentito ha spiegato che era comunque ‘a disposizione per sistemare le auto rubate’.

Oggi, Costa è un Lsu, un lavoratore socialmente utile del Comune, nel suo passato c’è già una condanna per mafia.

L'articolo prosegue subito dopo


Costa lo portammo in un garage che si trova in una traversa di corso dei Mille, andando verso Villabate’, ha raccontato il pentito Spatuzza. Il racconto è stato confermato anche da un altro favoreggiatore dei boss di Brancaccio, Agostino Trombetta, oggi pure lui collaboratore di giustizia.

‘Diedi a Costa 100 mila lire, per comprare i pezzi di ricambio – spiega Spatuzza – gli spiegai che dovevamo fare un lavoretto su una 126, per sistemare la frenatura. Gli dissi che la cosa dovevamo farla sul posto dove si trovava la 126. Gli dissi soprattutto di non andare a dire a nessuno cosa stavamo andando a fare’.

Intanto, la 126 era stata spostata nel garage di corso dei Mille: si trova in via S/81, lì Spatuzza ha portato i magistrati, durante un sopralluogo.

Il nome di Costa emerge ora dagli atti che la Procura generale di Caltanissetta ha inviato alla Corte d’appello di Catania, per supportare la richiesta di revisione del processo.

Negli atti sono citati insieme ai nomi dei nuovi indagati per la strage di via d’Amelio ci sono il boss Antonino Mangano, uno dei principali collaboratori dei fratelli Graviano, che coordinarono la preparazione e l’esecuzione della strage. E Vittorio Tutino, il mafioso di Brancaccio che aiutò Spatuzza a rubare la 126.

Mangano e Tutino sono in carcere ormai da anni. Sono invece sconosciuti alle cronache giudiziarie Giovanni Scardamaglia (indicato già in passato dai pentiti come “vicino” ai boss di Brancaccio) e sua moglie Giuseppa Chiappara, proprietari del garage di via Ciprì, a Brancaccio, dove fu nascosta la 126 subito dopo il furto: anche loro sono indagati per concorso in strage.

Indagato anche Gaspare Spatuzza, che con le sue dichiarazioni ha fatto luce sul drammatico depistaggio offerto da Vincenzo Scarantino che con Salvatore Candura è indagato per concorso in calunnia.

Le indagini sulla strage di via d’Amelio proseguono a ritmo sostenuto alla Procura di Caltanissetta.

I magistrati stanno ricostruendo la posizione di un altro fedelissimo dei Graviano, Salvatore Vitale, l’ex gestore del maneggio Palermitana equitazione salto ostacoli, già condannato per il sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo.

A detta di Spatuzza, sarebbe lui la talpa della mafia nel palazzo di via d’Amelio: la sua abitazione era al piano terra, un posto perfetto per controllare le mosse di Paolo Borsellino, che andava spesso a trovare la madre.

Leggi anche

Referendum: Renzi annuncia le sue dimissioni
News

Referendum: Renzi annuncia le sue dimissioni, le reazioni del mondo

Referendum costituzionale: bocciata la riforma. Vince il NO. Matteo Renzi annuncia le sue dimissioni. Il premier Matteo Renzi ha telefonato al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, una volta confermato l'esito negativo del referendum, prima della conferenza stampa in cui ha annunciato le dimissioni. Prima della conferenza stampa ha inviato un tweet: "Grazie a tutti, comunque. Tra qualche minuto sarò in diretta da Palazzo Chigi. Viva l’Italia! Ps Arrivo, arrivo". Dopo la vittoria del No al referendum, con voce rotta dalla commozione, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi che conclude con un ringraziamento a moglie e figli. Il popolo italiano "ha parlato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*