Viaggiare: cinque ragioni per farlo di più

Viaggi

Viaggiare: cinque ragioni per farlo di più

Happy couple walking away from private jet.

Partire per un viaggio, preparare la valigia per vedere posti nuovi è un qualcosa cui non dovremmo rinunciare, a maggior ragione ora che gli studiosi hanno confermato che viaggiare è terapeutico. Attraverso la “travel therapy” abbiamo la possibilità di mettere alla prova i nostri limiti rafforzando le nostre certezze. Insomma, il viaggio fa bene sia al corpo (lo rigenera liberandolo dalla routine quotidiana) che alla mente (aiuta a combattere lo stress psico-fisico).

Ad ogni situazione della vita corrisponde una tipologia di viaggio: una meta solidale è quella che ci vuole a chi sta cercando ispirazione, un viaggio avventuroso è l’ideale per chi deve affrontare un divorzio e ha bisogno di rafforzare l’autostima, una vacanza nei Paesi caldi è sempre la migliore per chi ha bisogno di relax. Ecco cinque ragioni che dovrebbero spingere ognuno di noi a viaggiare il più spesso possibile.

  • Per superare i pregiudizi: il viaggio ci spinge a conoscere nuove realtà che diventeranno parte del nostro bagaglio culturale.

    Viaggiare aiuta a strutturare la nostra idea sul mondo e a non farci abbindolare da ciò che pensa la massa;

  • Per avere successo nella vita: il viaggio ci allena ad affinare alcune capacità che poi tornano utili nella vita di ogni giorno. Dopo ogni viaggio si esce più forti e ricchi di nuove esperienze di cui fare tesoro;
  • Fa bene alla salute: secondo il parere della maggior parte degli studiosi che si sono occupati dell’argomento i viaggi e le esperienze valgono molto di più di beni materiali;
  • Migliora l’autostima: chi viaggia ha maggiore spirito di adattamento, affina il problem solving, gestisce meglio il self control nelle diverse situazioni;
  • Per diventare più flessibili: ogni tanto uscire dai soliti schemi fa bene, lasciandosi andare all’imprevisto. In viaggio siamo più disposti a cambiare i programmi durante la giornata, e così facendo ci divertiamo di più e diventiamo più flessibili.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche