Vicenza: cosa vedere

Viaggi

Vicenza: cosa vedere

Vicenza: cosa vedere
Vicenza: cosa vedere

Stai programmando di andare a Vicenza e vorresti sapere cosa vedere in città? Eccoti qualche suggerimento:

  • puoi visitare il centro di Vicenza: il suo bel Corso Andrea Palladio ideale per una passeggiata nel centro storico che ti porterà alla scoperta di luoghi famosi nel cuore della città.
  • Senza ombra di dubbio si deve vedere Palazzo Porto anche conosciuto come Palazzo Breganze, ubicato in Piazza Castello.
  • Andrea Palladio è colui che ha decisamente lasciato il segno nella città mettendo il suo zampino in tantissimi monumenti importanti, come per esempio Palazzo Thiene Bonin Longare.
  • Palazzo Chiericati è un altro must, che si trova in Piazza Matteotti, con una collezione unica di stampe, disegni, numismatica e statue. Molto apprezzato anche perché Patrimonio Unesco.
  • La Cattedrale di Santa Maria Annunciata merita poi la tua attenzione. Si trova in Piazza del Duomo.
  • In Piazza dei Signori c’è poi la Basilica Palladiana che in passato era sede delle magistrature pubbliche della città.
  • Se hai tempo puoi visitare anche la tomba dell’artista Palladio.
  • Fra i parchi della città si possono vedere le zone storiche di Campo di Marzo, Parco Querini, Giardini Salvie, Parco Fornaci e Parco del Retrone.
  • Se si vogliono esplorare i dintorni della città è bene sapere che ci sono molte testimonianze archeologiche tra cui a Sovizzo, Padova, ad appena 32 Km.

    dalla città, Venezia a 74 km. e Verona, la città di Romeo e Giulietta a 51 km. di distanza.

Il centro di Vicenza non è grande e ciò che andare a visitare della città si trova all’interno del centro cittadino, quindi facilmente raggiungibile a piedi o in bici. Quando vuoi fare una sosta per pranzo e mangiare un boccone, vivamente consigliato è il baccalà vicentino, specialità del posto, rinomata in tutta Italia. Se sei con amici e vuoi anche far serata allora puoi assaggiare una bevanda sempre tipica del Veneto, ossia lo spritz, preparata nelle varianti usando l’Aperol oppure il Campari o ancora un mix di entrambe.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche