Video, fotografie, testi e musiche: al via il concorso “I cammini di Santiago” COMMENTA  

Video, fotografie, testi e musiche: al via il concorso “I cammini di Santiago” COMMENTA  

Cuneo – Offrire a tutti coloro che hanno percorso, tutto o in parte, il cammino che conduce a Santiago de Compostela e desiderano ora raccontare la loro esperienza personale. È questo l’obiettivo con cui la Compagnia del Buon Cammino, l’associazione Amici del Cammino di Santiago – Piemonte, la Confraternita di San Giacomo di Cuneo e il Museo diocesano di Cuneo organizzano per il 2013 il concorso “I cammini di Santiago”.

Leggi anche: Risparmiare a Natale, il vademecum da seguire

L’iniziativa, aperta a tutti, prevede quattro diverse tipologie di testimonianze: video (uno per partecipante della durata massima di 5 minuti), fotografie (massimo 5 foto per partecipante, a colori o in bianco/nero, in formato digitale), testi (1-2 scritti della lunghezza massima di due cartelle di word) e musiche (una per partecipante della durata massima di 5 minuti). Il materiale, inedito e accompagnato della necessaria liberatoria di utilizzo, dovrà essere consegnato tramite raccomandata o posta elettronica, entro e non oltre il 25 luglio 2013, alle ore 12, presso Ravaschietto Sport (Via Cascina Colombaro, 35 – 12100 Cuneo – Tel. 0171/692081 – E-mail: info@ravaschietto.com). I lavori saranno poi esaminati da una giuria tecnica e da un sistema di giuria popolare, che decreteranno i tre lavori più significativi per ciascuna delle categorie in concorso. Per ulteriori informazioni rivolgersi a Ermanno Bressy (Tel. 335/1229151), coordinatore della Compagnia del Buon Cammino.

Leggi anche: Vecchioni all’Università di Palermo attacca la Sicilia e i siciliani: ‘La vostra è un’isola di m….’

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*