Video hot Pozzuoli: ci sarebbero tre indagati

Cronaca

Video hot Pozzuoli: ci sarebbero tre indagati

video hot
Video hot Pozzuoli: ci sarebbero tre indagati

Ci sarebbero tre indagati per la diffusione del video hot con protagonista una ragazza di Pozzuoli.

Poco a poco il cerchio si sta stringendo intorno ai responsabili della diffusione di un video hot, con protagonista una coppia di Pozzuoli. Nella città campana da giorni non si parlava d’altro. È partita una caccia alla diciannovenne che compare nel video, purtroppo c’è chi l’ha identificata. Sanno dove abita, che scuola frequenta o meglio, frequentava perché sono giorni che la giovane donna non va più a lezione.

Il dirigente scolastico dell’istituto ha invitato la studentessa a tornare tra i banchi di scuola. Insegnanti e compagni di classe le saranno vicino. Intanto c’è stata un’impennata nelle indagini dopo che i genitori della vittima si sono decisi a presentare formalmente denuncia.

Ma non sono stati i soli. Come riferisce Il Mattino, anche il fidanzato della donna avrebbe presentato denuncia, prima che il fatto salisse agli onori della cronaca.

Il suo telefono sarebbe stato hackerato. Già, ma da chi? Chi poteva avere interessa a violare proprio quel telefonino e perché il video è iniziato a girare proprio da Pozzuoli, città di residenza delle vittime. Perché è chiaro che stando ai fatti fin qui accertati, le vittime sono due.

Sarebbero tre le persone sospettate di aver diffuso il video, anche se al momento non ci sono iscritti nel registro degli indagati, cosa che però potrebbe avvenire in queste ore. Per adesso l’accusa è di violazione della privacy e diffamazione ma potrebbe essere solo l’antipasto. Spetterà al pm il compito di verificare la sussistenza di altri e più gravi reati.

Il caso del video hard della ragazza puteolana è venuto prepotentemente alle luci della ribalta dopo un post della blogger Selvaggia Lucarelli che ha anche presentato una denuncia alla polizia postale di Milano. Nel suo post la donna bacchettava in particolare un ragazzo che aveva commentato pesantemente su Facebook il video che circolava da alcuni giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche