Video osè al Comune di Nichelino, polemiche contro Sindaco COMMENTA  

Video osè al Comune di Nichelino, polemiche contro Sindaco COMMENTA  

images

E’ stato Giuseppe Cutizone, sindaco di Nichelino, ad aver voluto la realizzazione del videoclip osè girato all’interno degli uffici del Municipio. Le donne del Pd insorgono contro il primo cittadino, per la sua decisione di utilizzare le riprese nelle stanze istituzionali. Il video, intitolato “It’s Up to Me” è stato ritenuto “oltraggioso della dignità della donna, delle attività del personale della pubblica amministrazione e dei ruoli istituzionali”. Il contenuto del video? E’ presto detto.

Leggi anche: Referendum: primi dati dopo il voto


La giovane cantante Claudia Padula (in arte Cladì) seduce il Sindaco entrando nelle stanze del Comune, e si mette a ballare tra i tavoli istituzionali. Come contorno a questa scena il classico clichè delle impiegate che ammazzano il tempo in ufficio laccandosi le unghie e gli uscieri che si divertono a guardare le gambe delle donne.

Leggi anche: Italiani a Vienna. Terremoto. La solidarietà arriva anche da qui


Alle donne del Partito democratico che chiedono la rimozione della clip, il sindaco Cutizone risponde che il video è stato realizzato in pausa pranzo, quando non vi era alcun dipendente, e che anzi può essere considerato una “vetrina” per i giovani. Insomma, invita a sdrammatizzare con queste parole: “E’ come se i ragionieri si offendessero di fronte ad un film di Fantozzi”.


Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*