VidyoMobile, applicazione per fare videoconferenze sull’iPad COMMENTA  

VidyoMobile, applicazione per fare videoconferenze sull’iPad COMMENTA  

Vidyo ha annunciato VidyoMobile per iPad 3, che porta la videoconferenza HD – con una risoluzione di 3 mega pixel – sulla nuova generazione dei tablet Apple. L’applicazione sfrutta anche la maggiore ampiezza di banda delle reti 4G LTE all’estero, per offrire anche in mobilità un’ottima qualità delle immagini.


 

Il display da 2047 x 1536 pixel dell’iPad permette di visualizzare immagini di dimensioni superiori a quelle della maggior parte dei desktop, con una qualità che fino a pochi mesi fa era disponibile solo sui sistemi da sala riunioni più avanzati, ciascuno dei quali ha un costo centinaia di volte superiore a quello di un tablet. Tra l’altro, la flessibilità della tecnologia Vidyo – basata su software – ha permesso di avere la nuova versione di VidyoMobile in contemporanea con la disponibilità dell’iPad di terza generazioni, a pochi giorni di distanza dall’annuncio.


Il display Retina dell’iPad consente di usufruire a pieno delle funzionalità di condivisione dei documenti di VidyoMobile, per cui permette – ad esempio – di visualizzare sul tablet immagini ad alta risoluzione come le radiografie, per un’anamnesi non più solo a distanza ma addirittura in mobilità.


VidyoMobile, come tutti i client Vidyo, permette di seguire videoconferenze con oltre 100 partecipanti, e a questo aggiunge la possibilità di effettuare lo zoom delle immagini con un semplice gesto delle dita, e di selezionare individualmente i partecipanti che devono essere visualizzati sul proprio schermo.

L'articolo prosegue subito dopo


L’applicazione è disponibile gratuitamente su App Store.

Leggi anche

Tecnologia

Firma digitale: quante se ne possono avere

Nel nostro sistema giurisprudenziale, la firma digitale viene definita per la prima volta nel DPR 10 novembre 1997 n. 513 che disciplina la” formazione , l’archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici”. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*