Vienna: la vita è un vortice nella città dell’arte e della musica dell’Austria

Cultura

Vienna: la vita è un vortice nella città dell’arte e della musica dell’Austria

Florian, un amico che gestisce un wine bar in città, dice: ‘Ricordati, lo storico di Vienna che una volta era nuovo.’
Sta citando Karl Kraus, uno degli uomini che popolavano i caffè della città a cavallo del 20° secolo – quando la città imperiale, capitale dell’impero austro-ungarico, è stata al centro del mondo civilizzato.
Una città dorata: Vienna è sede di una miriade di meraviglie architettoniche, come la chiesa Karlskirche.
Quest’anno Vienna rende omaggio a Gustav Klimt, creatore di The Kiss, nato 150 anni fa.
Si potrebbe dire che ogni anno a Vienna è l’anno di Klimt, dal momento che è difficile evitare i dipinti che sono diventati tali emblemi vivaci della città.
Ma il 2012 offre una buona scusa per guardare nuovamente all’artista. Ogni galleria principale si unisce al festival. Per vedere le grandi opere, il Leopold Museum e il Palazzo del Belvedere Superiore, con i suoi incantevoli giardini e visitare di nuovo alla città.

‘La maschera d’oro,’ Michael Frayn, lo scrittore, chiamato a Vienna nel suo ritratto della città.
Ostentata ancora segreta, Vienna è una massa di contraddizioni: una città conservatrice, che ha dato i natali al modernismo, una roccaforte di antisemitismo il cui nome ha fatto il giro del mondo da parte degli ebrei, la casa del Walzer … ma anche di psico-analisi.
C’è la luce ma c’è buio, troppo.

A Vienna, ‘città dei miei sogni,’ non si può avere l’uno senza l’altro.
Quando si parla di ‘Mitteleuropa’, Vienna è quello che si ha in mente. Kultur ha un significato leggermente diverso nel mondo di lingua tedesca, ma, comunque è definito, trova una sede naturale nella città che un tempo era capitale della doppia testa dell’impero e serve ancora come una seconda casa per il popolo del centro Europa.

Nei fine settimana la visitano, dalla Slovacchia e Repubblica Ceca, Slovenia e Ungheria, Bosnia e Serbia, in cerca di un patrimonio comune che nemmeno un secolo di guerra e di dislocazione può lavare nel Danubio.
Metternich, architetto del Congresso di Vienna del 1815, ha dichiarato: ‘I Balcani iniziano alle porte di Vienna.’ Lo fanno ancora.

A Pasqua, essendo questa una delle città più cattoliche a nord delle Alpi, gli italiani non possono mancare.
Vengono, come tutti gli altri, per la musica.

Schubert è l’unico grande compositore nato a Vienna, ma Haydn, Mozart, Beethoven, Brahms, Bruckner, Mahler e Richard Strauss hanno vissuto lì, felici e infelici.
Se si prende un tram per il sud del cimitero, dove Carol Reed ha girato la famosa scena di chiusura per Il terzo uomo, si possono vedere le tombe dei musicisti, visitate ogni anno da migliaia di sostenitori.
Vienna è anche la patria della grande arte. Nel centro della città c’è il Kunsthistorisches (Storia dell’Arte) Museo. Difficilmente potrete passeggiare lungo una strada senza incontrare una galleria o una mostra degna di attenzione.
Se non siete interessati alla musica o pittura, ci sono i caffè, dove è possibile guardare il mondo che passa, i parchi incantevoli, che separano la città interna da quella esterna, i palazzi imperiali, in particolare Schonbrunn, con le sue superbe passeggiate alberate, e decine di chiese gloriose.
Ho visto la prima volta Vienna attraverso gli occhi di un adolescente nel 1972, e sono stato affascinato dalla eleganza delle sue strade e piazze.

Negli ultimi dieci anni, quando ho avidamente trascorso un mese di ogni anno a piedi quelle strade, sono venuto a conoscere un’altra città, che William Boyd ricrea nel suo ultimo romanzo, Waiting For Sunrise.
Sulla superficie Vienna è bella ma sotto sotto, può essere presa, e talvolta inquietante.
Il neo-visitatore può leggere il mondo di ieri di Stefan Zweig, lo scrittore ebreo.

Pubblicato dopo il suo suicidio nel 1942, si tratta di un panorama interessante di Vienna nei giorni morenti dell’Impero asburgico e i primi anni della repubblica austriaca.
Sapendo ciò che facciamo oggi sulla complicità austriaca nella nascita del nazionalsocialismo, il libro ha una dimensione tragica, ma dovrebbe essere letto per capire quanto è andato perduto.
Questa è la città famosa per Mahler, Klimt e, naturalmente, il dottor Freud. Questi pionieri, ed altri, forgiati nuovi percorsi nella musica, letteratura, design, architettura, pensiero politico e la filosofia.
La mattina perfetta nella moderna Vienna? Solo a piedi.
Inizia la KHM e gawp al tesoro carichi di gallerie con capolavori di Rembrandt, Vermeer, Durer, Van Dyck e Rubens. Poi una passeggiata attraverso il Ring verso Heldenplatz e continuate a camminare fino a raggiungere Graben, uno spazio aperto nel centro della città.
Svoltare a destra in Dorotheergasse, dove troverete Hawelka, la casa del caffè più autentica della città.

Tagliare in Stephansplatz, con la sua magnifica cattedrale, e visitare le chiese dei gesuiti e domenicani prima di pranzare al Cafe Prückel, Stadtpark opposto, con la statua del re del valzer Johann Strauss Junior.
Quella passeggiata vi darà un sapore della città. Per assaporare la festa, portate la vostra immaginazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche