Giovinazzo, spacciavano nella villa comunale tra i bambini COMMENTA  

Giovinazzo, spacciavano nella villa comunale tra i bambini COMMENTA  

Giovinazzo, spacciavano nella villa comunale tra i bambini
Giovinazzo, spacciavano nella villa comunale tra i bambini

Gli spacciatori vendevano droga tra i bambini

Il luogo di “lavoro” era la villa comunale di Giovinazzo

Tra i 19 e 44 anni, gli spacciatori di Giovinazzo (Bari), i quali all’interno della villa comunale spacciavano hashish in mezzo ai bambini lì presenti per giocare.

Leggi anche: Come fare sport e allenarsi con i bambini


L’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Bari, era stata avviata dal marzo scorso ed attraverso le telecamere di videosorveglianza installate nei giardini, ha permesso ai carabinieri di Giovinazzo di individuare una sessantina di episodi di spaccio, con gli scambi di stupefacenti che avvenivano proprio a pochi passi dai bambini. Secondo quanto accertato, il gruppo di spacciatori aveva scelto la villa comunale come luogo fisso per svolgere l’illecita attività di vendita, appostandosi dietro i cespugli, vicino ai bagni pubblici, con veri e propri “orari d’ufficio” in modo da agevolare i clienti abituali nel loro rifornimento.

Leggi anche: Cane corso, carattere: è aggressivo con i bambini?


A seguito delle indagini sono stati dunque identificati e segnalati alle Prefettura di Bari anche una decina di giovani consumatori di droghe ai quali è stato sequestrato  l’hashish acquistato. Nelle abitazioni degli spacciatori invece sono stati ritrovati dei “libri mastri dello spaccio”, in cui erano annotate le operazioni di vendita, con i nomi degli acquirenti e gli importi dovuti.

Sono state poi eseguite 7 ordinanze di “divieto di dimora” nel Comune nei confronti di altrettanti spacciatori.

Leggi anche

Bari: uomo accusato di violenza sessuale soffoca la figlia di tre mesi
Bari

Bari: uomo accusato di violenza sessuale soffoca la figlia di tre mesi

Un uomo, un padre di Bari è stato arrestato dalla polizia in quanto accusato di violenza sessuale e di aver soffocato la figlia di tre mesi. I carabinieri di Altamura, in provincia di Bari, hanno arrestato un ventinovenne, colpevole di aver soffocato e aver violentato la figlia di 3 mesi. L'uomo non è nuovo a questi reati ed è già conosciuto dalle forze armate del luogo, in quanto aveva violentato la figlia minorenne di una coppia di amici. In base alle ultime indagini condotte dalla polizia, sembra che il giovane abbia più volte provato a soffocare la figlia, provocandole continui Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*