Villa Sofia-Cervello completa la squadra direzione aziendale

Palermo

Villa Sofia-Cervello completa la squadra direzione aziendale

villa sofia-cervello
Nora Virga, nuovo direttore amministrativo villa sofia-cervello

L’azienda ospedaliera Ospedali riuniti di Villa Sofia-Cervello, definisce la propria struttura dirigenziale. Il neo Commissario Maurizio Aricò (62 anni, nato a Pavia ma con studi di Medicina a Palermo, è medico clinico pediatra e oncoematologo – dall’11 agosto alla guida dei due Presidi di Villa Sofia e del Cervello ) dopo la conferma di Pietro Greco nel ruolo di Direttore Sanitario, ha presentato il nuovo Direttore Amministrativo, la dottoressa Nora Virga. I due Direttori hanno firmato il contratto al termine della conferenza stampa del 25 agosto.

Palermitana, classe 1956, già Dirigente Amministrativo all’Asp di Messina, Nora Virga proviene dall’Arnas Civico dove ricopriva il ruolo di Direttore dell’Area Provveditorato ed Economato, funzione che lascia con dispiacere, ma che viene subito bilanciato dalla soddisfazione del nuovo e importante ruolo professionale: “Sono affiancato – ha sottolineato il Commissario Aricò – da due ottime professionalità, molto motivate, con le quali siamo già pienamente operativi per affrontare immediatamente tutte le principali questioni che riguardano due ospedali così importanti ma anche così complessi”.

Fra le priorità della nuova Direzione strategica, la situazione logistico-strutturale dei Pronto soccorso, in particolare quello del Cervello, che necessita una particolare attenzione, dove si risente fortemente la carenza di personale medico.

“E’ mio obiettivo – continua Pietro Greco – stringere rapporti forti di collaborazione con le altre realtà ospedaliere e sanitarie pubbliche cittadine, l’Arnas Civico, l’Asp 6, il Policlinico con il quale abbiamo rapporti di convenzione da curare”.

Molte novità sul fronte delle assunzioni.

Oltre all’arrivo di 63 fra medici, infermieri e tecnici (fra i quali 9 medici di Pronto soccorso), tutti a tempo indeterminato, si è istituito il concorso pubblico per la stabilizzazione dei 90 ex Lsu. Inoltre, si aspetta che l’Assessore Baldassarre Gucciardi alla guida dell’Assessorato Regionale alla Salute dia le direttive per le procedure di mobilità che potrebbero interessare numerosi medici e infermieri che lavorano “fuori sede”, e per le procedure di stabilizzazione del personale precario anche alla luce del recente decreto legislativo del Ministro Marianna Madia (dlgs 25 maggio 2017, n. 75 (GU 130 del 7/6/2017), sul superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni. Si torna quindi ad assumere a tempo indeterminato dopo tanti anni, iniziando così a colmare le gravi carenze di organico.

“Coglieremo certamente – ha affermato Aricò – tutte le opportunità che si presenteranno e lo faremo immediamente dopo la definizione dei criteri”. Intanto alle 63 nuove unità da assumere, sono state già inviate le comunicazioni, avranno tempo fino all’11 settembre per accettare o meno l’assunzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*