Vincenzo Nibali uomo chiave ai Mondiali di Richmond COMMENTA  

Vincenzo Nibali uomo chiave ai Mondiali di Richmond COMMENTA  

A una settimana circa dal mondiale di ciclismo su strada in programma a Richmond, il commissario tecnico della nazionale italiana Davide Cassani ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport in cui ha chiarito alcuni aspetti relativi alle convocazioni, specie in merito a Vincenzo Nibali.


Il numero uno del ciclismo italiano, infatti, ha vissuto un 2015 terribile, con un Tour fatto di cadute, imprevisti, incomprensioni e polemiche (anche con la sua squadra, l’Astana), seguito dalla Vuelta, la corsa spagnola dalla quale è stato espulso in tutta fretta per essersi fatto trainare dalla sua ammiraglia dopo l’ennesima caduta della stagione.


In molti avrebbero preferito lasciarlo a casa, anche perché il percorso del mondiale non è per nulla adatto a Vincenzo, corridore che ha bisogno delle salite e, più in generale, delle tre settimane delle corse a tappe, per emergere.


Eppure, pochi giorni fa, è arrivata la convocazione di Cassani. “Questo Nibali mi serve”, ha detto il ct, raccontando che “Vincenzo è un campione, mi ha comunicato la volontà di venire al mondiale dopo essere tornato a casa dalla Vuelta. Gli ho detto che il percorso non era adatto a lui, che la maglia avrebbe dovuto guadagnarsela e che doveva mettersi a disposizione”.

L'articolo prosegue subito dopo


Nibali, dopo l’esclusione dalla Vuelta, “ha reagito nel modo giusto, si è isolato, ha parlato poco e pedalato tanto” ha detto ancora Cassani, fino a concludere che Vincenzo “si è meritato l’azzurro”, “ha lavorato su strappi e salite brevi, sull’esplosività”: “nella strategia che ho in testa (Nibali, ndr) ci sta eccome”.

Cassani è un ex ciclista e un uomo che di questo sport conosce tutto, ma proprio tutto, fino all’ultimo particolare. Non è tipo da prendere decisioni avventate e, con ogni probabilità, non lo ha fatto neppure questa volta.

Un Nibali in forma non è un corridore come un altro, non è soltanto uno da mettere a tirare, là davanti, al momento opportuno. Lui è un fuoriclasse che tutti conoscono, un corridore che getta scompiglio, se si muove, perché, ad esempio, è uno che non si lascia andare in fuga.

È un campione e, lo sanno tutti, da un campione non si sa mai cosa aspettarsi, perché è uno di quelli che, se il percorso non è adatto a lui, adatto potrebbe sempre farlo diventare inventandosi qualcosa.

Leggi anche

1 Trackback & Pingback

  1. Vincenzo Nibali uomo chiave ai Mondiali di Richmond | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*