Vincitori Festival di Berlino 2014 COMMENTA  

Vincitori Festival di Berlino 2014 COMMENTA  

Diao Yinan con il suo Black Coal, Thin Ice, ha portato a casa il, Golden Bear, alla cerimonia del Festival Internazionale di Berlino 2014, lo scorso Febbraio.

Leggi anche: Calendario Red Hot contro il bullismo

Una giuria presieduta da James Schamus, ha assegnato il Silver Bear, come miglior regia, a Richard Linklater per il suo, Boyhood, mentre, a Wes Anderson, con The Grand Budapest Hotel, è andato il Silver Bear Gran premio della giuria. I due film americani sembravano aver catalizzato il favore dell’intera serata ma, alla fine, uno dei tre film cinesi in gara, ha sorpreso tutti, aggiudicandosi l’Orso d’Oro. Gli altri riconoscimenti sono andati a Liao Fan, come miglior attore in Black Coal, Thin Ice, ad Haru Kuroki, come miglior attrice per The Little House, diretto dal regista giapponese Yoji Yamada; mentre Stations of the Cross, si è aggiudicato il titolo di miglior sceneggiatura, ed Alain Resnais ha ricevuto il Premio Alfred Bauer, per Aimer, Boire Et Chanter . Disattese tuttavia tutte le previsioni che vedevano ’71 di Yann Demange, come uno dei super favoriti film in gara insieme a Boyhood.

Leggi anche: 50enne arrestato: sotto la scuola per molestare ragazzina

Il Silver Bear per il contributo artistico cinematografico è andato anche a Zeng Jian per Blind Massage. Il Golden Bear, come miglior cortometraggio è stato assegnato a Caroline Poggi, Jonathan Vinel, per As Long As Shotguns Remain; mentre il Silver Bear, Gran Premio della Giuria per il suo cortometraggio, è andato a Guillaume Cailleau, con Laborat.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*