Violenta e uccide l’insegnante: dopo mette il corpo in un bidone dell’immondizia COMMENTA  

Violenta e uccide l’insegnante: dopo mette il corpo in un bidone dell’immondizia COMMENTA  

Violenta e uccide l’insegnante: dopo mette il corpo in un bidone dell’immondizia. Le immagini agghiaccianti sono state catturate da alcune videocamere di sorveglianza della Danvers High School, la scuola frequentata da Philip Chism, il ragazzo accusato di aver violentato e dopo ucciso la sua professoressa di matematica.

Leggi anche: Catania, atterraggio di emergenza per un volo Meridiana


Il corpo di Colleen Ritzer, questo il nome della giovane insegnante, è stato seppellito in un bosco nelle vicinanze. Chism lo ha trasportato aiutandosi con un cassonetto dell’immondizia. Nelle immagini anche un frame in cui si vede il ragazzo impugnare un grosso coltello pieno di sangue.

Leggi anche: Nepal, aereo precipita nella giungla con 23 persone a bordo


Di seguito le immagine riprese dalle telecamere di sorveglianza della Danvers High School:

L’assassino Philip Chism, mentre trasporta il corpo della professoressa nel bidone dell’immondizia.


56545868e4b062a834e4769d_565458afe4b062a834e4e4c8_p854x570 56545868e4b062a834e4769d_565458b7e4b062a834e4f474_p854x570 56545868e4b062a834e4769d_5654589de4b062a834e4c5a0_p854x570

Le immagini mostrano il ragazzo con in mano un grosso coltello insanguinato.

 

56545868e4b062a834e4769d_56545881e4b062a834e49b73_p854x570

L’insegnate Colleen Ritzer.

56545868e4b062a834e4769d_56545891e4b062a834e4b2d6_p854x570

 

Leggi anche

alecsandra-puflea-2
News

Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta

Episodio di razzismo denunciato a Ferensway, nel Regno Unito. Una ragazza rumena, Alecsandra Puflea, 22 anni, studentessa di Criminologia all'Università di Hull, si è vista rifiutare la camera di un hotel, l’Holiday Inn Express, che aveva prenotato online, perché scambiata per una prostituta. Era insieme al suo fidanzato. Dopo aver visto la sua carta d'identità, l'addetto alla reception l'ha mandata via, dicendo che l’albergo non accettava clienti rumeni - neanche il fatto chela studentessa abbia mostrato la sua patente britannica, è servito - . Poi la struttura si è scusata, dicendo di aver stabilito “quella” regola perché alcune ragazze provenienti dalla Romania erano state scoperte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*