Virus Zika, Olimpiadi di Rio 2016: l’Oms non cancellerà l’evento COMMENTA  

Virus Zika, Olimpiadi di Rio 2016: l’Oms non cancellerà l’evento COMMENTA  

L’Oms tranquillizza sui rischi legati a possibili epidemie da Virus Zika in occasione delle Olimpiadi di Rio 2016.

Il virus Zika non farà cancellare le Olimpiadi di Rio 2016. A confermarlo è stato Embratur, esponente dell’Ufficio Brasiliano del Turismo. Secondo l’Oms, l’organizzazione dei giochi non influirà minimamente nella diffusione del virus letale e pertanto non ci sarebbero ragioni fondate per cancellare l’atteso evento. ‘L’Istituto – si legge nella nota diffusa – tiene in considerazione le raccomandazioni dell’OMS, che in un discorso ufficiale del 28 maggio ha dichiarato che un eventuale cambiamento della data dei Giochi a causa di Zika non modificherebbe la diffusione del virus, che è già in circolazione in 60 paesi’.

Nella nota si apprende che non vi sono motivazioni valide, legate a problemi di salute, che giustificano l’annullamente dei Giochi Olimpici di Rio 2016. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il rischio che i giochi Olimpici possano rappresentare un volano per la diffusione dell’epidemia è molto basso. L’assembramento di persone di nazionalità diversa non accelererà la diffusione del virus che è comunque in atto nel pianeta.


L’OMS chiarisce però che non è opportuno che le donne in gravidanza si rechino a Rio per assistere all’evento, poiché gli effetti del virus Zika sul feto potrebbero essere estremamente gravi. E’ stato infatti accertato che la grave infezione può causare malformazioni al nascituro o gravi conseguenze di carattere neurologico. Non è invece considerato necessario vietare gli spostamenti nelle aree dove il virus ha raggiunto i picchi di epidemia.


Si stima che i Giochi Olimpici di Rio 2016 porteranno in Brasile almeno 300 mila turisti provenienti da ogni latitudine del pianeta. A maggio furono 150 medici a lanciare l’allarme legato all’epidemia del virus Zika, firmando una lettera aperta nella quale sollecitarono l’Oms a rinviare l’evento o spostarlo in altra sede.

L’OMS ha tenuto conto del fatto che nei mesi più freddi dell’anno (tra agosto e settembre) il virus ha una scarsa incidenza per la minor presenza di zanzare, vero veicolo dell’epidemia.

Leggi anche

Orzaiolo: quanto dura e come curarlo
Salute

Orzaiolo: quanto dura e come curarlo

Orzaiolo: infiammazione batterica della palpebra. Colpisce bimbi e adulti ed è contagioso. Prevenzione, la cura migliore. Igiene di occhio e mani Orzaiolo: a differenza del calazio, non è cronico e si manifesta sporadicamente, anche se in modo Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*