Vittime terrorismo: un minuto di silenzio per Hollande e Mattarella
Vittime terrorismo: un minuto di silenzio per Hollande e Mattarella
Esteri

Vittime terrorismo: un minuto di silenzio per Hollande e Mattarella

Come previsto tutta la Francia si è fermata a mezzogiorno per un minuto per ricordare le 129 vittime degli attacchi terroristici che hanno gettato nel panico la città di Parigi. A riferirlo sono stati i media francesi. Nella mattinata di oggi, la vita lentamente a Parigi è tornata a scorrere con la riapertura delle scuole di tutta la regione che erano state chiuse nella giornata di sabato. Prevista per le ore 13 di oggi la riapertura di Musei, teatri e altri luoghi di cultura.

Anche il presidente francese Francois hollande ha voluto osservare un minuto di silenzio da Versailles, al termine del quale ha cantato insieme al congresso la Marsigliese, in un momento davvero toccante.

Un minuto di silenzio è stato osservato anche dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha voluto ricordare dall’Università dell’Aquila le povere vittime della furia omicida dei terroristi. Tutta la sala ha applaudito dopo il minuto di silenzio.
Intanto il governo francese ha ammesso di sapere anticipo dei rischi di attentati e che non solo Parigi sarebbe nel mirino dei terroristi ma anche altri paesi europei come Spagna e Italia, sarebbero entrati tra i paesi a maggior rischio di azioni terroristiche dimostrative.

Intanto il premier francese, Manuel Valls, ha parlato del rischio terroristico come una piaga alla quale dovremo abituarci, per i rischi che potrebbero concretizzarsi con altri attentati nei prossimi giorni: ‘Dobbiamo prepararci a vivere a lungo con questa minaccia’ parlando anche di nuove reazioni francesi soprattutto dal punto di vista militare. Si prevedono infatti nuovi bombardamenti ai siti dell’Isis in Siria, come già avvenuto domenica.

Intanto dalla scorsa notte sono in corso nuove azioni mirate a reprimere il fenomeno terroristico con nuovi arresti eseguiti a Grenoble, Tolosa e Lione dove sono stati ritrovati kalashnikov e lanciarazzi, mentre altre cellule sono state individuate in Belgio con nuovi arresti e sequestri di armi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche