Vive per 62 anni senza identità: la curiosa storia di Pietro

News

Vive per 62 anni senza identità: la curiosa storia di Pietro

Una storia davvero singolare, quella di Pietro, che è stata raccontata sulle pagine della “Repubblica” di Genova. L’uomo è vissuto per bene sessantadue anni senza alcuna identità, sprovvisto cioè di documenti che attestassero la sua identità e la sua residenza. Non ha mai posseduto un codice fiscale, un telefono intestato, un conto in banca, una casa con affitto regolare.

L’unico atto che certificasse la sua esistenza era quello di nascita, che però aveva perduto ormai valore senza quello di identità. Quando Pietro ha dovuto recarsi in ospedale perché non stava bene, ha avuto necessità di un documento che dichiarasse la sua residenza.

Quando è andato al Comune per richiedere la carta di identità è venuta fuori la sua storia. Del signor Pietro non è stata fatta mai registrazione, si sa solo che è nato all’ospedale di Reggio Emilia nel 1953, anche nell’indice nazionale delle anagrafi non vi è traccia di lui.

Una donna lo ha messo al mondo a Reggio Emilia e lui non ha mai conosciuto suo padre.

Anche la madre, originaria di Reggio Emilia, era sconosciuta all’anagrafe. Pietro vive tra un collegio e l’altro.

Dopo essersi trasferito in Liguria comincia a lavorare, ma sempre in nero. Ora, dopo tanto tempo, un problema di salute fa riemergere la sua “inesistenza” per la burocrazia. Soltanto ora è riuscito ad ottenere la sua carta di identità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche