Vodafone: come ottenere il rimborso per servizi non richiesti

Guide

Vodafone: come ottenere il rimborso per servizi non richiesti

Se si è clienti Vodafone e, per errore, si sono attivati servizi digitali a pagamento – quali, ad esempio, quiz, giochi, gossip, suonerie o altri ancora -, è possibile verificarne la presenza tramite l’app My Vodafone e poi chiederne la disattivazione e il rimborso, anche se si tratta di pochi euro.

Il primo passo, quindi, consiste nell’entrare nell’area Soddisfatti o Rimborsati e scegliere la voce Servizi Digitali.

Una volta all’interno di questi ultimi, si deve procedere con la verifica di quelli che sono attivi, così da essere sicuri che siano presenti servizi che non sono stati scelti volutamente, ma che sono stati attivati erroneamente o digitando un tasto o rispondendo SI ad un messaggio, magari non troppo chiaro.

Laddove si riscontri l’effettiva presenza di tali servizi, si deve verificare che ci siano stati degli addebiti da parte del gestore e, quindi, si può procedere alla richiesta del rimborso.

Scorrendo in basso la pagina compare, infatti, la voce Chatta con un esperto e, selezionandola, è possibile parlare con un operatore, al quale va fatta la richiesta di disattivazione, di blocco e di rimborso dei servizi non richiesti.

Un tempo la procedura per la richiesta di un rimborso era molto più lunga e complessa, tanto da disincentivare la voglia di seguirla, soprattutto laddove si trattava di pochi euro.

Tuttavia le multe ricevute da parte dell’Autorità Garante, hanno orientato la Vodafone, così come anche gli altri gestori italiani, a rendere la pratica molto più snella.

Pochi minuti e il problema viene risolto, con riaccredito direttamente sulla sim in caso di ricaricabile e in bolletta in caso di contratto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*