Voli per il MedioOriente più vantaggiosi per i clienti NetJets Europe COMMENTA  

Voli per il MedioOriente più vantaggiosi per i clienti NetJets Europe COMMENTA  

NetJetsEurope annuncia oggi che amplierà la zona ‘ferry waiver’, in cui nonvengono applicati costi di posizionamento dei voli. Questa novità riguardai voli tra 21 aeroporti strategici per gli affari in Europa e Medio Oriente.L’ampliamento della zona ‘ferry waiver’ rappresenta la risposta a unacrescente domanda da parte dei clienti per avere accesso a mete d’affariparticolarmente importanti in questa regione. A seconda della tipologiadi velivolo, i clienti non dovranno più pagare i costi di posizionamentodei voli quando si spostano tra l’Europa e queste importanti mete, siache si tratti di posizionare un jet per un volo, sia di operare il rientrodi un velivolo.


Negli ultimi anni NetJets Europe haregistrato una forte crescita dei viaggi verso il Medio Oriente. Nel 2011il mercato è cresciuto del 9,2 per cento, con tassi di crescita ancor piùelevati per i voli verso determinati Paesi – l’anno scorso negli EmiratiArabi Uniti c’è stata una crescita del 24% del traffico dei voli d’affari.La zona ‘ferry waiver’, già disponibile per i voli verso il Libano eTel Aviv, sarà estesa ora anche ai voli per la Giordania, l’Arabia Saudita,il Bahrain, il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti e il Kuwait.


NetJets Europe intende garantire aipropri clienti le soluzioni più convenienti per gli spostamenti in questaregione: l’estensione della zona ‘ferry waiver’ consentirà uno scontomedio sui voli tra il 15 e il 30 per cento.


Eric Connor, Presidente e CEO di NetJetsEurope, ha commentato “Il Medio Oriente sta diventando una meta semprepiù cruciale per i nostri clienti, e il nostro obiettivo è quello di garantireloro la possibilità di portare avanti gli affari in modo sicuro, efficientee concreto . Ancor più di quanto non accada in Europa, in Medio Orienteil successo di un contratto dipende dalla possibilità di incontrarsi dipersona, e tuttavia le compagnie aree tradizionali hanno difficoltà a raggiungereefficacemente alcune destinazioni remote, dove diversi nostri clienti attivinel campo dell’energia e in altri settori hanno bisogno di recarsi.”

“L’ampliamento della zona ‘ferrywaiver’ ci permetterà di migliorare ulteriormente una soluzione di viaggiogià accessibile ed efficiente, destinata a dirigenti d’azienda e privatiche si spostano in Medio Oriente,” ha concluso Connor.

L'articolo prosegue subito dopo

(Comunicato stampa)

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*