Volkswagen, emissioni truccate: la Corte d’Appello di Venezia ammette la class action

Attualità

Volkswagen, emissioni truccate: la Corte d’Appello di Venezia ammette la class action

La Corte d’Appello di Venezia ribalta la sentenza di gennaio e ammette la class action contro Volkswagen dopo lo scandalo per le emissioni truccate

La notizia dell’ammissione della class action contro la Volkswagen potrebbe rappresentare più di un grattacapo per la nota casa automobilistica tedesca. La class action venne presentata dalla rivista Altroconsumo nel 2014 e solo pochi giorni fa la Corte d’Appello di Venezia ha ritenuto, con una sentenza, di dovere ammettere la richiesta della rivista dei consumatori dando il via di fatto ai rimborsi per oltre 300 mila persone.

In ballo ci sarebbe la rilevante cifra di 450 milioni di euro. A tanto ammonterebbe l’entità del risarcimento che Volkswagen dovrebbe sborsare dopo lo scandalo legato alle emissioni truccate. La decisione della Corte d’Appello di Venezia di fatto rimette in discussione la sentenza di primo grado che aveva respinto a gennaio l’istanza di risarcimento. Già nel 2014 Altroconsumo aveva lanciato l’allarme, denunciando la discrepanza del 50% tra consumi dichiarati e consumi effettivi.

L’iniziativa diffusa dalla rivista aveva ottenuto circa 20 mila pre-adesioni mirate proprio ad ottenere un risarcimento in ragione del danno subito. Un test indipendente, in quella circostanza, ebbe modo di evidenziare i consumi taroccati di una Golf 1.6 TDI BlueMotion Cv, i cui valori reali erano esattamente il doppio rispetto a quelli dichiarati dalla Volkswagen.

Altroconsumo effettuò successivamente anche un test su una Fiat Panda 1.2 evidenziando anche in questo caso valori contraffatti rispetto a quelli reali (un consumo il 18% superiore a quello dichiarato). La filiale italiana della Volkswagen non avrebbe, secondo quanto comunicato dalla Reuters, ricevuto comunicazioni ufficiali in merito al procedimento giuridico che riconoscerebbe la class action.

L’avvocato di Altroconsumo, Paolo Martinello, avrebbe evidenziato come la cifra da risarcire sia davvero ridondante: ‘Considerando che dal 2010 a oggi sono circa 300 mila le persone che hanno acquistato un modello di Golf si potrebbe quantificare il danno in circa 450 milioni di euro’. Nei prossimi giorni si attenderà la presa di posizione della Volkswagen rispetto alla decisione della Corte d’Appello di Venezia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...