Will, la serie tv su un giovane William Shakespeare COMMENTA  

Will, la serie tv su un giovane William Shakespeare COMMENTA  

Will, la serie tv su un giovane William Shakespeare
Will, la serie tv su un giovane William Shakespeare

Esultano i fan della letteratura inglese. Il drama americano TNT ha confermato l’imminente arrivo di una serie tv su un giovane William Shakespeare.

Dopo il successo delle serie tv “Smallville” e “Da Vinci’s Demons”, con grande sorpresa degli appassionati della letteratura inglese, il drama americano TNT ha ufficalizzato l’arrivo di una serie tv tutta incentrata su un ancora giovane William Shakespeare. Il titolo della serie tv sarà “Will“. Si tratta di un progetto tenuto segreto finora e che trarrà libera ispirazione dalla vita del Bardo. Sarà composto da un ciclo di 10 episodi che verranno lanciati quest’anno, sebbene la data del pilot non sia stata ancora stabilita. Il team creativo della serie conterà, inoltre, la presenza di Craig Pearce (“Il Grande Gatsby”) e Shekhar Kapur (“Elizabeth”).


L’attore Laurie Davidson comparirà, per la prima volta sui piccoli schermi, rivestendo il ruolo di protagonista. La serie tv “Will” sarà ammantata da un’atmosfera punk-rock, pur essendo ambientata all’interno di un teatro londinese del 1500. La trama ruoterà attorno alle vicende di un giovane e ingenuo Shakespeare. Sarà un vero e proprio show travolto dal furore della musica, dalla violenza e dal fascino di una Londra caotica e fumosa. Qui, William incontrerà l’amore della sua vita e inizierà a scrivere le sue celebri poesie romantiche. Ma ci sarà anche l’altra faccia della medaglia. A prestare volto all’acerrimo nemico di Will, Christopher Marlowe, sarà Jamie Campbell Bower (“Shadowhunters”). Olivia DeJonge (“The visits”), invece, vestirà i panni di Alice Burbage, la fanciulla di cui Will si invaghirà perdutamente.


Insomma, il personaggio di William Shakespeare è stato delineato dagli stessi rappresentanti di TNT come “la rockstar del sedicesimo secolo“. La musica e il ritmo dell’azione suggeriscono una rappresentazione iper-moderna della storia che noi tutti conosciamo.

Niente noia, niente banalità. Solamente tanta freschezza e vivacità per celebrare, in un modo del tutto alternativo e quasi avvenieristico, i 20 anni di età di una delle figure più celebri del mondo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*