Wu Zetian, da Concubina a Imperatrice (Antica Cina) COMMENTA  

Wu Zetian, da Concubina a Imperatrice (Antica Cina) COMMENTA  

Wu Zetian (624-705 d.c) Cina
Fu l’unica donna a diventare Imperatrice.

Wu Zetian nacque in una famiglia nobile e fu ben educata. Arrivò alla corte dell’imperatore Taizong della Dinastia Tang per diventare una giovane concubina fin dall’età di 14 anni.


La sua intelligenza e la sua bellezza deliziarono l’ Imperatore Taizong, e apparentemente suscitò un certo interesse anche nel suo erede, il principe Gaozong.

Quando l’imperatore Taizong morì, tutte le sue concubine furono inviate ad un convento di suore (una pratica comune quando il regnante moriva). Ma Wu Zetian fu convocata a palazzo e divenne una concubina di Gaozong, il nuovo imperatore.


Si dice che Wu Zetian abbia tramato in modo da guadagnare il favore dell’Imperatore per sbarazzarsi delle sue rivali, tra cui l’imperatrice Wang. Gaozong infine sposò Wu Zetian così divenne imperatrice. Due dei loro figli salirono al trono come imperatori, ma il controllo dell’impero rimase sempre nelle mani di Wu Zetian. Il figlio più giovane Ruizong abdicò al trono e Wu Zetian fu proclamata imperatrice a pieno titolo.

Lei stessa iniziò una nuova dinastia, la dinastia Zhou.


Wu Zetian fu spietata, ma una sovrana efficace. Tolse dal governo tutti quelli che non era d’accordo con lei e le sue decisioni. Con lei la Cina arrivò ad avere un periodo pacifico ed estremamente produttivo.

Questo è un esempio di come una donna brillante e dal carattere forte, potesse arrivare in alto anche provenendo da umili origini.

L'articolo prosegue subito dopo

Nel Medioevo simili casi si riscontrano nelle personalità di altre regine e imperatrici, che riuscirono a farsi strada, nonostante le concorrenti e i tanti impedimenti grazie al loro intuito e alla loro scaltrezza.  A volte queste donne furono di estremo aiuto ai loro mariti e ai loro figli, prendendo certe decisioni che gli uomini non avevano il coraggio di fare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*