X Factor, i Bootcamp e le scelte di Alvaro Soler

Gossip e TV

X Factor, i Bootcamp e le scelte di Alvaro Soler

x-factor-i-bootcamp-e-le-scelte-di-alvaro-soler
x-factor-i-bootcamp-e-le-scelte-di-alvaro-soler

Nella puntata andata in onda giovedì, anche per Alvaro Soler sono iniziati i Bootcamp e le scelte si sono rivelate alquanto atipiche.

Anche per Alvaro Soler, il cantante latino di questa edizione di X Factor, sono iniziati i Bootcamp e la scelta delle tanto temute sei sedie e delle decisioni da prendere. E’ stato criticato spesso per il suo italiano, per il fatto di non essere riuscito a integrarsi bene nel talent show, di essere il classico “bello ma non balla”, ma Alvaro Soler nella decisione dei Bootcamp andati in onda giovedì sera su Sky e venerdì in chiaro su TV8, ha dimostrato di avere le idee chiare e di fare scelte, anche in controtendenza del pubblico e degli altri giudici.

Ha fatto sedere per la sfida delle sei sedie, i seguenti gruppi: Soul System, The Hangovers, Kuda, Jarvis, Coraline che hanno deluso tantissimo con un pezzo elettro-pop che non ha convinto la giuria e le ha fatte sedere, con il punto interrogativo.

Al momento delle decisioni finali, ha fatto lo switch con The Hangovers facendo passare i Five Stories, gli Oak switch con Klune.

Gli Oak hanno ricevuto i complimenti di Fedez per il cantante che “è un figo, ma non è un figo”. Les Enfants che si sono presentati sul palco con un pezzo dei Green Day, quali Basket Case, facendo alterare Manuel Agnelli, dicendo che la loro esibizione “è uno scempio su ciò che possono fare le boyband”, ma sono passati alla fase successiva. La band degli IIso, un duo atipico che si sono presentati sul palco con un pezzo di Al Bano e sono passati alla fase successiva, nonostante il dissidio generale, così come Daiana Lou, che a detta dei giudici, possono passare direttamente ai Live, mentre le Coraline sono state eliminate.

Per la categoria Gruppi capitanata da Alvaro Soler, passano ai Bootcamp le seguenti band:

Soul System
Jarvis
Les Enfants
IIso
Daiana Lou
Oak.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche