XI edizione della Giornata del Contemporaneo

Mostre

XI edizione della Giornata del Contemporaneo

Undicesima edizione della Giornata del Contemporaneo
Undicesima edizione della Giornata del Contemporaneo

Le porte dei 26 musei AMACI sabato 10 ottobre hanno aperto gratuitamente al grande pubblico per la Giornata del Contemporaneo giunta alla sua undicesima edizione.

L’iniziativa è stata promossa da AMACI (singla per “Associazione dei musei d’arte contemporanea italiani”) per la Undicesima Giornata del Contemporaneo. La manifestazione, indetta per la prima volta nel 2005, svolge un’importante ruolo nella promozione dell’arte contemporanea su suolo italiano. Infatti, il 10 ottobre i 26 musei associati ad AMACI hanno permesso l’ingresso gratuito al pubblico organizzando mostre, conferenze e laboratori. In tutta Italia risultano più di 1200 gli eventi associati alla Giornata del Contemporaneo: dal Maxxi di Roma al Mambo di Bologna, da il Novecento di Milano a il Madre di Napoli.

Il nostro paese, sebbene l’immenso patrimonio artistico-culturale che ha alle spalle, non deve certo dimenticarsi del lavoro di tanti artisti moderni e contemporanei. L’intento di AMACI è proprio quello di sensibilizzare il pubblico italiano all’arte in genere, ma soprattutto all’arte di oggi.
L’associazione ha scelto come immagine guida dell’evento la foto “Passi” di Alfredo Pirri (vedi sotto).

Pirri stesso spiega così il suo lavoro: “Passi diventa così la sintesi di un gesto distruttivo ma allo stesso tempo ‘ri-creativo’, finalizzato a rompere per sempre l’immagine che abbiamo di noi e degli altri, per riscoprirne o addirittura crearne una differente che si annida e moltiplica in ogni frammento, anche in quello che pensavamo perso per sempre e mai ricomposto”.

L’arte contemporanea, dalle Avanguardie in poi, ha completamente rotto col passato.

Ma da questa rottura, dai frammenti di vetro rotti, è stato ricreato dell’altro. E, come ci invita a fare Pirri e l’associazione AMACI tutta, il pubblico deve, pur rischiando, affidarsi ciecamente all’arte contemporanea e su essa camminare. Perché essa ha saputo ricostruirsi sulle ceneri del passato e rinascere più splendente che mai.

Dopo il grande successo delle precedenti edizioni, la Giornata del Contemporaneo è divenuta l’evento ufficiale inaugurante la stagione dell’arte in Italia. Essa si è aperta a molte altre istituzioni museali nazionali, e ha accolto il favore anche della politica. Infatti,sia il Presidente del Senato Pietro Grasso che il Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini hanno rilasciato dei premi in favore dell’evento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche