Yara, scoperta nel pc di Bossetti la parola chiave: tredicenne COMMENTA  

Yara, scoperta nel pc di Bossetti la parola chiave: tredicenne COMMENTA  

yara_bossetti_inf_fb_mix copia

Nuova svolta nel caso Yara Gambirasio: nel pc sequestrato a Massimo Giuseppe Bossetti,  che l’uomo teneva a casa, sono state rinvenute immagini dal contenuto pedopornografico. Inoltre, sempre nel medesimo pc del muratore indagato per l’omicidio della ragazzina di Brembate di Sopra, l’analisi dei dati custoditi in memoria ha riportato la parola “tredicenne” nei motori di ricerca utilizzati dall’uomo. L’ultimo accesso pedoporno risale a Maggio scorso, prima che Bossetti venisse sottoposto al fermo.

Leggi anche: Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum


A meno che non si ipotizzi l’uso del computer anche da altri membri della famiglia, è stato proprio Bossetti a cercare in Rete scene di sesso riguardanti ragazzine molto giovani.

Leggi anche: Padova: Maniaco sessuale o controllore? Ecco cosa è successo

Un ulteriore indizio che compromette la posizione del muratore.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*