Zarate verso l’addio COMMENTA  

Zarate verso l’addio COMMENTA  

Ormai per l’esperienza interista di Maurito Zarate, siamo ai titoli di coda. L’ex laziale, che doveva essere il grande colpo del mercato di giugno, non è mai riuscito ad inserirsi e, anzi, col tempo è finito sempre più ai margini di una squadra che già aveva problemi di non facile soluzione, per poter pensare a quelli dell’attaccante argentino. Adesso, sembra che tra lui e Ranieri si sia arrivati alla rottura totale, tanto che la società sta seriamente pensando di mandarlo in un altra piazza. L’alternativa è tenerlo come un separato un casa, in tribuna o al massimo in panchina. Il problema è che Zarate non vuole togliere le tende e rischia di diventare un vero e proprio caso. Il presidente della Lazio, Lotito, qualche tempo fa aveva espresso il desiderio di poterlo vendere all’Inter, con l’esercizio da parte nerazzurra della clausola di riscatto, fissata in estate a ben 15,5 milioni, ma ormai anche lui si sarà messo il cuore in pace. Il problema è che non si sa neanche a chi darlo, visto che le squadre interessate, Genoa e Fiorentina, non solo non possono permettersi di pagare il ricco appannaggio dell’ex laziale, ma probabilmente non ne hanno proprio l’intenzione. Anche perché da un punto di vista tecnico stiamo parlando di un giocatore che dopo una prima stagione alla grande, è ormai in caduta libera e non riesce a ritrovare lo smalto dei primi tempi. La sua ultima speranza potrebbe essere proprio la Fiorentina, ove Delio Rossi sarebbe felice di riprenderlo sotto la sua tutela, mentre alla Lazio, Reja è stato categorico già in estate, chiedendo la cessione di Zarate a costo di arrivare allo scontro aperto con la tifoseria. E oggi che la sua posizione è notevolmente rafforzata dai risultati degli ultimi due anni, sembra difficilissimo che accetti di veder tornare indietro un giocatore che non gradisce. Insomma, per Lotito si profila un investimento a perdere, visto che di questo passo il capitale rappresentato da Zarate, sarà praticamente azzerato. A meno che il giocatore non faccia un bagno di umiltà e decida di mettersi di impegno per riguadagnare le posizioni perdute.
Maurito Zarate
Maurito Zarate

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*