Zeman sbatte la porta in faccia a Moratti

Inter

Zeman sbatte la porta in faccia a Moratti

Zdenek Zeman
Zdenek Zeman

Se qualcuno sperava in un Inter targata Zeman, per il prossimo futuro, deve mettersi il cuore in pace. Con una dichiarazione rilasciata nella giornata di ieri, infatti, il tecnico boemo, attualmente al Pescara, ha chiuso nel più deciso dei modi la porta in faccia ad un eventuale tentativo in questo senso. Come al solito provocatorio, il tecnico ex Roma e Lazio ha infatti rilasciato una intervista estremamente interessante, nella quale ha ricordato come già Moratti lo abbia chiamato una volta, senza ricevere risposta in quanto era impegnato e che se lo chiamasse ora, riceverebbe analogo trattamento in quanto lui non risponde a numeri sconosciuti. A conferma della statura di un allenatore del quale non si può certo dire che manchi di personalità, arrivano poi le solite stilettate alla Juventus, squadra per la quale Zeman tifava da bambino. Arrivata una certa persona, della quale il boemo nemmeno vuole fare il nome (non è difficile immaginare chi sia), il capitolo bianconero è stato celermente rimosso e questo non può che far piacere a chi tifa Inter. Le ultime parole, sono riservate alla Roma, a Totti e Luis Enrique in particolare. Per quanto concerne il fuoriclasse di Porta Metronia, Zeman non esita ad indicarlo come il giocatore più forte da lui mai allenato, anche se lo preferiva a sinistra, ove non prendeva le botte che prende al centro. Per il gioco di Luis Enrique, ricorda invece che già Liedholm aveva battuto la sua strada molti anni prima, a conferma che nel calcio nulla più si inventa. Di fronte ad una intervista del genere, non si può che convenire sull’interesse che potrebbe scaturire da una esperienza di Zeman sulla panchina nerazzurra.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...