Loro 1 e Loro 2, Noemi Letizia critica il film di Sorrentino
Loro 1 e Loro 2, Noemi Letizia critica il film di Sorrentino
Gossip e TV

Loro 1 e Loro 2, Noemi Letizia critica il film di Sorrentino

Le critiche di Noemi Letizia al film di Sorrentino
Le critiche di Noemi Letizia al film di Sorrentino

Dure critiche di Noemi Letizia al film di Paolo Sorrentino: una storia lontana dalla realtà e senza rispetto per la privacy.

Noemi Letizia, ex papi girl di Silvio Berlusconi, ha espresso un giudizio molto negativo su Loro, il film di Paolo Sorrentino che ha come protagonista proprio l’ex presidente del consiglio. Il film è in realtà diviso in due pellicole: la prima parte è uscita nelle sale il 24 aprile, la seconda il 10 maggio. Noemi, intervistata da Il Mattino, ha dichiarato che il film è “una sceneggiata che non corrisponde alla realtà”.

Noemi Letizia su Sorrentino

Era il pomeriggio del 10 maggio quando Noemi Letizia è andata al cinema per vedere Loro 2. Il film era appena uscito nelle sale e la ragazza era impaziente di vedere come lei e la sua famiglia sono stati dipinti da Paolo Sorrentino. Il regista ha raccontato la storia di Silvio Berlusconi in due pellicole, di due ore ciascuna: Loro 1 (uscito il 24 aprile) e Loro 2. Una rappresentazione non solo dell’ex premier, ma di tutto il mondo intorno a lui, delle sue conoscenze dentro e fuori la politica.

Il secondo capitolo parla anche di lei, Noemi Letizia.

In particolare, Sorrentino ha raccontato i rapporti tra il padre della ragazza e Berlusconi e soprattutto la famosa festa per i 18 anni di Noemi a Caserta, a cui partecipò anche il premier. Si trattò del primo scandalo che vide il Cavaliere coinvolto con delle minorenni.

Loro 1

Noemi racconta di essere già andata al cinema a vedere Loro 1. Il suo giudizio sulla pellicola è estremamente negativo.

Loro 1 non mi è piaciuto affatto e non solo perché non ho condiviso la parte che riguarda me e mio padre. No, non è l’unica ragione. È che l’ho trovato un film surreale, esagerato, morboso e a tratti anche un po’ lento”, ha dichiarato Noemi Letizia. “Sesso, droga, alcol, orge, prostitute, decine di ragazze seminude: l’esasperazione di un modo di vivere e divertirsi ben lontano dalla realtà”.

In particolare, la ragazza è rimasta delusa dall’immagine che Sorrentino ha dato di suo padre e del rapporto che c’era tra lui e il Cavaliere.

“Lontana dalla realtà è l’immagine che passa di mio padre. E mi dispiace molto davvero. ‘Divertiti con il presidente, bella di papà’ mi dice nel film: Sorrentino lo dipinge come un magnaccia. Invece tra loro c’era un rapporto di cordialità e stima, si erano conosciuti anni prima e Berlusconi si fidava di lui”.

Loro 2

Non meno negativo è il giudizio sul secondo capitolo del film, in particolare sulla scena della festa di compleanno. “Un’altra sceneggiata che non corrisponde alla realtà. Lo abbiamo accolto con entusiasmo, questo è vero, non certo così come si vede nel film. Guarda là, sembra il delirio”.

La questione della privacy

Noemi ha criticato anche la scelta del regista di utilizzare nomi e cognomi della famiglia Letizia, senza porsi problemi circa la privacy di Noemi e dei suoi parenti. Un trattamento, sottolinea, ben diverso da quello riservato ad altre persone coinvolte nella vita di Berlusconi.

“Se non sbaglio di vero in quel film c’è la moglie, il cantante Mariano Apicella, forse Mike Bongiorno di cui nemmeno mi pare si faccia il cognome, e poi noi: i Letizia.

Tutti gli altri personaggi, da Tarantino all’ ‘ape regina’, passando per i politici di turno, rievocano solo in parte alcune caratteristiche di persone esistenti. Vorrei sapere dal regista perché a noi è stato riservato un trattamento diverso”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 584 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.