×

I 10 giochi da tavolo più famosi degli anni 80

Gli anni 80 sono stati davvero fantastici e memorabili. Abbiamo fatto una lista dei 10 giochi da tavolo più famosi di quel periodo.

default featured image 3 1200x900 768x576

I fantastici giochi in scatola prodotti in quel periodo saranno rimasti quasi sicuramente nella vostra mente. Questi giochi vi hanno fatto trascorrere tante ore (decine o anzi centinaia) di divertimento e svago.
A questo punto la domanda sorge spontanea: quali sono in sintesi i 10 migliori giochi da tavolo degli anni 80? Rispondere a questo quesito non è tanto semplice, ma proveremo comunque a stilare una Top 10.

Negli anni 80 Internet non esisteva ancora e neanche i videogame da giocare rigorosamente online. I giochi da tavolo erano il massimo e permettevano alla vostra fantasia di volare. Eccovi, ora, una classifica dei migliori 10 giochi da tavoli degli anni 80.

1. Il Trabocchetto

Il Trabocchetto è uno splendido gioco da tavolo. È adatto a tutta la famiglia e questo possibilmente con bambini di età superiore ai 6 anni. O anzi, anche un bambino piccolo di tre anni può prendere parte al gioco.

Le modalità di gioco e lo scopo sono relativamente semplici. Se al gioco partecipano anche dei bambini, però, dovete prestare la massima attenzione alle palline in dotazione che sono veramente piccole, quindi occhio a che non le mettano in bocca.
Il gioco è composto da una griglia gialla. Su quest’ultima si interseca un reticolato composto da dei segmenti colorati (bianchi e rossi), formati a loro volta da delle zone solide e da dei fori.

Delle leve annesse comandano i segmenti. Le leve sono bianche e rosse, due lati del gioco hanno in dotazione leve bianche, mentre due leve delle leve rosse. Vi verranno poi forniti quattro set da cinque biglie. Queste biglie sono dei seguenti colori: rosse, veri, azzurre e nere.

2. L’Allegro Chirurgo

giochi

È la versione italiana del gioco da tavolo Operation. Questo gioco è stato commercializzato da Milton Bradley a partire dal 1965. In tale anno il gioco fu ideato da John Spinello. Quest’ultimo vendette i diritti per alcune centinaia di dollari. La produzione di questo fantastico gioco è passata alla Hasbro, e questo quando questa ha rilevato la Milton Bradley.
In pratica, il gioco è composto da una plancia metallica con la raffigurazione fumettistica. Quest’ultima litografata di un paziente sdraiato. E poi sul corpo del paziente ci notano dei gruppi di
fori per mezzo dei quali si possono estrarre ossa e altri oggetti in plastica. Questa delicata operazione deve essere fatta con un paio di pinze metalliche. È bene ricordare che un eventuale contatto tra il bordo dei fori e le pinze emette un segnale sonoro e poi si illumina anche una lampadina posta nel naso del paziente. Tutto questo segnala il fallimento dell’operazione.

3. Bis

Bis è stato un programma televisivo di successo a premi. Era condotto da Mike Bongiorno, in onda dal 1981 al 1990 su Canale 5. In pratica, si trattava di un particolare gioco a quiz che consisteva nel riuscire a risolvere un Rebus nascosto dietro il tabellone. Il format particolare era quello ripreso da Caccia al numero. Quest’ultima trasmissione era stata condotta dallo stesso Mike nel 1962. Il programma era prodotto da Margherita Caligiuri e curato da Fatma Ruffini.

4. Jumanji

giochi
Era l’anno 1995 e la pellicola cinematografica “Jumanji” debuttava per la prima volta nelle sale di tutto il modo. A distanza di diversi anni, il lungometraggio continua a far parlare di sé. Tutto questo invoca una evidente nostalgia. Oggi, è possibile superarla comprando il gioco da tavolo. E tutto questo per far apparire cose a caso all’interno di casa vostra.
Non è possibile che non vi scenda almeno una piccola lacrima solamente al sentir nominare “Jumanjir”, una delle pellicole che ha segnato l’infanzia di tantissime persone. Sulla storia narrata è stata basata l’idea innovativa di creare un gioco da tavolo. Tutto questo che permettesse ai vari giocatori di poter riuscire ad entrare in diretto contatto con il loro entusiasmante risultato del lancio dei dadi. Tra tutti ricordiamo l’apparizione di animali esotici e i diversi mutamenti climatici. Tutto ciò è stato riprodotto in scala all’interno della casa in cui aveva luogo il gioco.
L’interpretazione molto sapiente da parte di Robin Williams (che nel film era il protagonista Alan Parrish) fu un altro elemento importantissimo per il successo del gioco da tavolo.

5. Brivido

Questo gioco da tavolo prodotto negli anni 80, merita una speciale menzione e questo per la sua particolarità. È bene ricordare che Brivido era a quell’epoca quanto di più fantastico e scenografico si potesse riscontrare in gioco da tavolo. In tanti desideravano possedere questo gioco.
Brivido ha un tabellone tridimensionale e un mitico teschio fluorescente, che è il vero protagonista del gioco. Le bontà del prodotto non sono dunque legate alle sue particolari meccaniche o alla sua profondità, ma al tabellone e al teschio.
La partita è una apposita gara di velocità tra i vari giocatori. Questi ultimi dovranno riuscire a raggiungere la torre centrale per primi. E tutto questo chiudendo il coperchio della bara e concedendo il meritato riposo eterno al fantasma. Dovranno realizzare tutto ciò superando le insidie delle quattro ambientazioni riprodotte nel tabellone tridimensionale.

6. HeroQuest

giochi
Il nome del gioco qualche volta viene anche scritto Hero Quest. È un entusiasmante gioco da tavolo ad ambientazione fantasy, è stato creato dalla Milotn Bradley Company. Tutto ciò con la partecipazione della Games Workspop, e poi collocato nell’ambientazione Warhammer Fantasy. Nel 1989 HeroQuest venne pubblicato nel Continente europeo e in Australia, e l’anno seguente in Canada e America.

7. Skualo Attacca

È un gioco da tavolo elettronico, venne commercializzato dalla MB Gioco verso la fine degli anni 80 e precisamente nel 1989. Lo squalo protagonista del gioco funziona grazie ad una pila. Quest’ultima è la LR14 da 1,5 v, non è inclusa nella scatola. Il gioco è veramente divertente e immediato. Non richiede nessuna sorta di grandiosi preparativi, tutto questo lo fa diventare un ottimo gioco per delle partite veloci da fare con gli amici. Il vero obiettivo di Skualo Attacca è veramente semplice: riuscire a fare in modo che il grosso squalo divori i pesciolini presenti sul tabellone di gioco.
Per riuscire ad installare tutte le componenti del gioco servono pochi minuti. È sufficiente fissare un paio di pezzi di plastica. Su questi pezzi ruota lo squalo, poi il gioco è fatto. Sulla linea rigorosamente tratteggiata dovete sistemare lo squalo, invece i pesciolini li dovete collocare nelle relative caselle.

8. Il Pranzo è Servito

giochi
La Editrice Giochi produsse il gioco da tavolo del programma e questo nel 1983. Il gioco da tavolo conteneva: due cartelline plastificate con raffigurata una tovaglia e posti al centro cinque cerchi che simboleggiavano le varie portate (primo, secondo, formaggio, dolce e frutta).
La ruota era costituita da un cerchio girevole; quest’ultimo era di plastica a forma di piatto. Al cui bordo comparivano le figure: sia quelle delle portate, sia la scritta Dieta, e anche del Jolly. Poi c’era un cartone prefustellato dal quale era possibile staccare i 25 gettoni delle varie portate. E poi erano presenti ancora altre componenti per giocare.

9. Indovina Chi

È un gioco da tavolo per bambini, fu pubblicato in origine nel 1979 nel Regno Unito dall’impresa MB con il nome “Guess Who?”.
Per giocare servono due giocatori, a ciascuno di essi viene consegnato un apposito tabellone. Su quest’ultimo ci sono 24 figurine raffiguranti altrettanti personaggi, disegnati con una particolare caricatura. Ogni personaggio è contraddistinto da precise peculiarità fisiche, come ad esempio: colore dei capelli, occhiali, colore della pelle ecc. ed identificato solamente dal nome proprio di persona.
Le donne sono 5 e i restanti 19 sono gli uomini.

10. L’Isola di Fuoco

giochi
È un gioco da tavolo pubblicato dalla Milton Bradley nel 1986. Si gioca su di un particolare tabellone in rilievo sul quale è indicata una isola tropicale. Ogni giocatore ha la possibilità di muoversi seguendo numerosi itinerari all’interno dell’isola.
L’obiettivo principale del gioco è quello di riuscire ad impossessarsi del tesoro. Quest’ultimo si trova al centro dell’isola, poi il giocatore deve andare verso il porto per riuscire a fuggire dall’isola. Tutto questo al fine di evitare che gli avversari gli rubino il tesoro e anche di essere messo fuori gioco a causa delle palle di fuoco.

Contents.media
Ultima ora