12 dicembre 627: La fine dei Persiani - Notizie.it
12 dicembre 627: La fine dei Persiani
Storia

12 dicembre 627: La fine dei Persiani

Con l’ascesa al trono imperiale di Eraclio I, nel 610, era giunto il momento della riscossa per l’Impero Bizantino, dopo anni di continua perdita dei territori a favore dell’impero Sassanide, potente vicino erede di quell’Impero Partico nemico numero uno dell’Impero Romano per tutta la sua storia. Approfittando del fatto che Costantinopoli era sempre più in difficoltà a respingere le frequenti incursioni di Slavi, Magiari, Alani e altre popolazioni barbariche, che premevano a nord dell’impero, i Persiani erano arrivati a conquistare gran parte dell’Asia Minore e l’Egitto, cosa che aveva provocato una serie di tumulti nel palazzo imperiale, con il centurione Foca che assassinò l’imperatore Maurizio, per poi essere a sua volta assassinato da Eraclio, il più valente generale di Bisanzio. Questi intraprese una campagna bellica che dopo ben sei anni, in cui era riuscito a rigettare fuori il nemico dall’Asia Minore, giunse alla battaglia decisiva nella piana antistante la città di Ninive, antica capitale assira, e all’epoca porta per la Mesopotamia.

Nella battaglia di Ninive si fronteggiarono due eserciti di quasi 70000 uomini, le due più grandi potenze di quella parte di mondo . Lo scontro fu cruento ma arrise ai bizantini, che fecero valere il loro miglior addestramento nel combattimento corpo a corpo. La disfatta per gli orientali fu tale che l’esercito fu totalmente annientato. La popolazione depose e uccise l’imperatore Cosroe II; il suo successore, Kavadh II, accettò le richieste di pace di Eraclio, abbandonando i territori precedentemente conquistati. Ritornarono così sotto il controllo romano l’Egitto, la Siria, l’Armenia e la Mesopotamia, d’altro canto la crisi in cui cadde l’Impero Persiano fu così profonda da far si che non costituisse mai più un pericolo per Costantinopoli. Ma un nuovo e più terribile nemico si stava formando in quegli anni nel cuore dell’assolata Arabia…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche