150 pulmann e 3 treni speciali per la manifestazione Fiom del 16 ottobre - Notizie.it
150 pulmann e 3 treni speciali per la manifestazione Fiom del 16 ottobre
Bologna

150 pulmann e 3 treni speciali per la manifestazione Fiom del 16 ottobre

La grande manifestazione di domani vedrà la massiccia partecipazione dell'EMilia Romagna

La Fiom dell’Emilia Romagna partecipa alla manifestazione di domani – 16 ottobre – con 150 pullman e 3 treni straordinari (da Reggio Emilia, da Modena, da Bologna in direzione Roma). Si tratta di un’adesione decisamente massiccia a testimonianza di una partecipazione appassionata dei lavoratori.

Ovunque ho registrato – ha dichiarato Gianni Scaltriti segretario Fiom dell’Emilia Romagna – la rabbia delle lavoratrici e dei lavoratori per le sorti del contratto nazionale, senza che tutto ciò si sia trasformato in atteggiamenti violenti e di prevaricazione nei confronti di alcuno. Anche per questo sono convinto che quella di sabato sarà una grande, pacifica, democratica manifestazione di lavoratrici e lavoratori, ma non solo, viste le tante adesioni già registrate“.

Tra le altre iniziative sindacali, c’è quella concepita da Fillea – Federazione Italiana dei Lavoratori del Legno, dell’ Edilizia, delle industrie Affini ed estrattive – che ha come tema la sicurezza sul lavoro. Si tratta di un contro campagna che vuole rispondere al recente spot del Ministero del Lavoro.

Lo slogan La sicurezza la pretende chi si vuole bene sembra dire al lavoratore: se ti costringono a salire su un’impalcatura senza protezione, la colpa è tua che non ti vuoi bene. La realtà è ben diversa e rientra nel triste fenomeno del caporalato che tanto fomenta la cosiddetta Gomorra del nord e colpisce in primo luogo i lavoratori migranti.

Per guardare lo spot del Governo clicca QUI.

Ricordiamo ai nostri lettori che il governo ha modificato il Dlgs 81 del 2008 con il decreto Dlgs 106/09 che, di fatto, dimezza le sanzioni ai datori di lavoro in caso di incidenti sul lavoro.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche