×

18enne morta dopo Astrazeneca, Crisanti: “Gli open day vaccinali sono da Repubblica delle Banane”

Dopo il caso della 18enne morta a Genova Crisanti si è detto sconcertato per l'organizzazione degli Open Day di AstraZeneca aperti a tutti.

18enne morta dopo AstraZenecaCrisanti

Il microbiologo dell’Università di Padova Andrea Crisanti ha commentato la vicenda della 18enne morta a Genova dicendosi sorpreso della decisione di effettuare gli Open Day del vaccino AstraZeneca nonostante le raccomandazioni date dall’Aifa di somministrarlo in via prefereniale agli over 60.

18enne morta dopo Astrazeneca: parla Crisanti

Ma c’è una regola in questo Paese o no?“. Questa la domanda che si è posto l’esperto in un’intervista a La Presse. Lo spunto per affrontare la questione è offerto dal dramma avvenuto all’opedale San Martino di Genova, dove una ragazza di 18 anni è deceduta per una trombosi al seno cavernoso sopraggiunta dopo la vaccinazione con AstraZeneca effettuata qualche giorno prima proprio nell’ambito di un Open Day.

Crisanti si è dunque chiesto perché i vaccini consigliati per chi ha più di 60 anni, siano stati distribuiti ai giovani sapendo che c’era questo rischio quando c’è a disposizione l’alternativa offerta da Pfizer: “Ma questa è la Repubblica delle banane? Io rimango sconcertato“.

18enne morta dopo Astrazeneca, Crisanti: “Si poteva non correre rischi”

Dopo essersi domandato se il Comitato tecnico scientifico sia stato informato preventivamente degli Open Day e se gli organizzatori abbiano chiesto il parere degli esperti, ha sottolineato come non valeva la pena correre rischi in presenza di vaccini alternativi: “Abbiamo discusso del fatto che andava dato sopra i 60 anni perché, sebbene sicuro ed efficace, c’erano alternative“.

In più si sapeva anche la frequenza di questa complicazione pari a 1 caso ogni 6-700mila: “Sicuramente avranno vaccinato 6-700mila ragazzi“.

Crisanti su 18enne morta dopo Astrazeneca, Toti: “Open Day suggeriti dagli esperti”

Nonostante le indicazioni dell’Aifa andavano nella direzione di somministrare preferenzialmente AstraZeneca agli over 60, gli Open Day di questo vaccino sono stati aperti a tutti. Una scelta che è stata criticata, non solo da Crisanti, ma che il governatore ligure Giovanni Toti ha spiegato essere concordata con “i massimi organi tecnico-scientifici che ci hanno chiesto di aumentare il volume delle vaccinazioni per evitare più morti“. Di qui la sua richiesta che da Roma ci si esprima senza ambiguità e ci si prenda la responsabilità di dire chiaramente se si ritiene che aumentare le somministrazioni usando anche AstraZeneca sia necessario per salvare vite umane oppure se sospenderlo definitivamente per chi ha meno di 60 anni.

Contents.media
Ultima ora