×

25 luoghi lugubri da visitare assolutamente

default featured image 3 1200x900 768x576

25 luoghi lugubri da visitare assolutamente almeno una volta nella vita, tra parchi abbandonati e castelli infestati da fantasmi.

Isola delle bambole, Messico

Isla de las Munecas, nota come “Isola delle bambole”, è un’isola artificiale costruita nel periodo preispanico. Una leggenda narra che nel 1950 Julian Santana Barrera, dopo aver assistito all’annegamento di una ragazza, ossessionato dallo spirito della giovane, pare abbia iniziato a collezionare bambole e ad appenderle per tutta l’isola.

Città abbandonata di Pripyat, Ucraina

Costruita nel 1970 per le famiglie dei dipendenti della Centrale di Chernobyl, in seguito al disastro nucleare, la città adesso è considerata la città fantasma più grande del mondo.

Camera del partito comunista abbandonata, Bulgaria

Il Monumento Buzludja sembra quasi un disco volante. È stato inaugurato nel 1981 dal regime comunista. È abbandonato dal 1991.

Antico cimitero ebraico, Praga

Per oltre tre secoli, l’antico cimitero ebraico è stato l’unico luogo in cui gli ebrei seppellivano i morti.

Costruito nel 1478, conta circa 12 mila tombe, anche se vi sono sepolti oltre 100 mila ebrei, infatti per mancanza di spazio le salme venivano sovrapposte.

Catacombe di Parigi

Le catacombe sotterranee di Parigi risalgono alla fine del XVIII secolo. Costruite per far fronte al sovraffollamento dei cimiteri a causa di un’epidemia, le catacombe ospitano più di 6 milioni di resti umani lungo 300 km.

Catacombe dei Cappuccini a Palermo, Italia

All’interno del Convento dei Frati Cappuccini è possibili visitare le catacombe di Palermo, in particolare i cadaveri, risalenti al XVIII e XIX secolo, si trovano in un ottimo stato di conservazione.

Bare incastonate nella roccia, Sagada, Filippine

Nelle Filippine, precisamente a Sagada, la tribù di Igorot scelse di dare una giusta sepoltura ai propri cari nel punto più alto del villaggio, incastonando i propri cari nelle rocce, per mantenere un contatto con i loro spiriti.

Isola di Hashima, Giappone

Soprannominata Gunkanjima (Nave da guerra) per la sua sagoma, quest’isola fantasma è stata il centro di un’importante miniera di carbone della Mitsubishi. Viene progressivamente abbandonata quando il petrolio inizia a prendere piede sul mercato delle energie. Dal 1974 è in totale stato abbandono.

Foresta dei suicidi, Giappone

Sempre in Giappone, la foresta Aokigahara, “Mare d’alberi”, è conosciuta come foresta dei suicidi. Si trova ai piedi del Monte Fuji e da secoli vengono commessi numerosi suicidi. Recentemente la polizia giapponese è stata spinta a creare dei cartelli per convincere le persone a non compiere questo gesto estremo.

Cappella di ossa, Portogallo

La Cattedrale Sé di Evora, in Portogallo, è famosa per esser stata un dei centri principali dell’inquisizione medievale. Al suo interno si trova la Cappella delle ossa, costruita nel 1700 da soli teschi e scheletri umani di oltre 5000 corpi.

Ossario di Sedlec, Repubblica Ceca

Anche in Repubblica Ceca, la cappella gotica di Sedlec è decorata con le ossa di circa 40 mila persone. Questo ossario rappresenta il simbolo della temporalità dell’esistenza umana sulla terra.

Chiesa di San Giorgio, Repubblica Ceca

Nel 2012, l’artista ceco Jakub Hadrava usa la chiesa come location per i suoi fantasmi di gesso. La chiesa è stata abbandonata in seguito al crollo del tetto durante la celebrazione di un funerale nel 1968.

Ospedale militare di Cambridge, Inghilterra

Durante la Prima Guerra Mondiale è stato il primo ospedale a curare le vittime del Fronte Occidentale. L’intero edificio è stato chiuso nel 1996 per la scoperta di amianto nelle pareti. Leggende narrano che un fantasma si aggiri nell’ospedale, sarebbe lo spirito di una suora morta suicida dopo essersi gettata dal primo piano.

Istituto psichiatrico abbandonato, Parma, Italia

Il manicomio di Colorno, provincia di Parma, è stato realizzato nel 1873 e abbandonato negli anni ’90. Nel 2013 lo street artis Herbert Baglione ha realizzato dei dipinti sui muri dell’ospedale abbandonato per il progetto 1000 Shadows.

Isola di Poveglia, Italia

A sud di Venezia si trova quest’isola abbandonata, un tempo sede di un manicomio e lazzaretto durante le numerose epidemia di peste.

Ospedale militare dell’Armata rossa Beelitz-Heilstatten, Germania

L’ospedale, costruito nel 1898, è stato utilizzato durante la seconda guerra mondiale come rifugio per bambini e infermi di Berlino. Dopo la costruzione del muro, l’ospedale è stato utilizzato come rifugio per le truppe sovietiche della Germania est.

Città dei morti, Russia

La città di Dargavs, sui monti del Caucaso, è soprannominata la città dei morti, infatti si tratta di una vera e propria necropoli. Leggende dicono che una volta visitata Dargavs non si torna più dietro.

Isola dei serpenti, Brasile

Poco distante da San Paolo, l’isola Queimada Grande ospita più di 4 mila serpenti velenosi. Pare che dei pirati abbiano introdotto i serpenti in quest’isola per proteggere i loro tesori.

Mercato dei feticci di Akodessewa, Togo

La capitale del Togo ospita uno dei più grandi mercati dedicati alle pratiche voodoo. Si possono trovare teste essiccate di animali morti ed erbe mediche utilizzate dagli sciamani per la cura di malattie e ferite.

Six Flags Jazzland, New Orleans, Louisiana

Il parco a tema, Six Flags Jazzland di New Orleans, è stato abbandonato nel 2005 poco prima del terribile uragano Katrina.

Gulliver’s Travels Park – Kawaguchi, Giappone

Questo parco a tema su Gulliver ai piedi del monte Fuji, (vicino la Foresta dei Suicidi) è rimasto aperto solo per 10 anni. Adesso è in completo stato di abbandono.

Metropolitana di Cincinnati, USA

La metropolitana di Cincinnati, in Ohio, è lunga circa 7 km. Tuttora incompiuta per mancanza di fondi, fa da sfondo per numerose leggende e centro di forte attrazione turistica.

Château Miranda, Belgio

Noto come château de Noisy, è stato abbandonato nel 1991. Nel corso della Seconda Guerra Mondiale il castello è stato utilizzato come orfanotrofio.

Il castello di Leap, Irlanda

Situato nella contea di Offaly è ritenuto da molti ghost hunters uno dei luoghi più infestato di fantasmi. La cappella del castello è soprannominata Bloody Chapel in quanto è stata luogo di un terribile omicidio.

Cimitero di Chauchilla, Perù

Questa antica necropoli, costruita quasi 1000 anni fa, è conosciuta anche come “cimitero dei lama”, dati i numerosi resti di lama trovati all’interno delle tombe. Grazie al clima prevalentemente secco, i corpi non sono in avanzato stato di decomposizione.

1 / 32
45 big 185x1151
1 / 32
45 big 185x1151
544a6a4ed09268884cd0de32 capuchin monastery catacombs 3 185x1151
0741d5bfb8aec91a43b6446591f9d82376 672x372 185x1151
42588 DSC 0726 185x1151
Akodessewa 185x1151
bambole impiccate alla staccionata 185x1151
bare sospese sagada 640x427 185x1151
bulgaria 185x1151
buzludzha communist party bulgaria4  880 185x1151
cappella de ossa 185x1151
catacombe parigi2 185x1151
Cimiterio di Chauchilla 185x1151
cimitero praga 185x1151
dsc 0910 185x1151
enhanced buzz wide 22856 1392308566 22 185x1151
Hashima2 185x1151
hashima giappone 638x425 185x1151
i luoghi piu spaventosi 047 185x1151
image2 185x1151
IMG 3413.JPG 565x423 185x1151
Infrequent diversion abandoned Six Flags New Orleans 185x1151
isola delle bambole 185x1151
La foresta dei suicidi in Giappone3 185x1151
luoghi spaventosi 014 185x1151
posti misteriosi catacombe di parigi 185x1151
posti misteriosi ossario di sedlec 185x1151
poveglia 672 458 resize 185x1151
Pripyat Ucraina 185x1151
queimada 185x1151
Roberto Cavallo Ex Manicomio Colorno 02 185x1151
san giorgio 3 185x1151
six flags nola 01 185x1151

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora