×

Allarme terrorismo in USA

L’America, impegnata in questi giorni nelle elezioni di metà mandato e alle prese con i problemi economici torna sotto il mirino del terrorismo internazionale. Ieri infatti in un centro di smistamento della FedEx di Dubai è stato trovato in un pacco proveniente dallo Yemen e diretto a Chicago, contenente un bomba nascosta in una stampante. La polizia di Dubai riferisce in un comunicato che ”Il pacco era preparato in modo professionale e un circuito elettrico chiuso era connesso ad una carta sim di un cellulare nascosta nella stampante”.”Questa tattica porta il marchio di metodi usati in passato da organizzazioni terroristiche come al Qaida”, conclude la polizia. Anche l’esplosivo usato, il tetranitrato di pentaeritrite (Petn) è lo stesso usato per l’attentato fallito del giorno di Natale 2009 su un aereo diretto negli Stati Uniti.

Negli Usa si allunga dunque di nuovo l’ombra di Bin Laden ed è evidente che il Paese sia ancora nel mirino di Al Qaida.

Lo stesso Barack Obama ha spiegato esplicitamente che ”s’e’ trattato di una minaccia terroristica credibile”., prendendo molto sul serio tutta la vicenda.

A preoccupare ulteriormente gli americani, il fatto che i due plichi sospetti erano indirizzati a due sinagoghe di Chicago, la citta’ in cui domani Obama terra’ uno dei suoi ultimi comizi elettorali prima del voto di martedi’.

Nel corso del briefing alla Casa Bianca, i cronisti hanno cercato di capire dal portavoce del presidente, Robert Gibbs, se si tratta di una coincidenza, o se gli uomini della sicurezza temono seriamente per la vita del Presidente. ”La nostra agenda non cambia. Gli uomini del controterrorismo stanno facendo un grandissimo lavoro. Non c’e’ motivo per modificare il nostro programma”, ha tagliato corto Gibbs.

Non è la prima volta che i terroristi cercano di influire su importanti appuntamenti elettorali: già a Madrid, il sanguinoso attentato pochi giorni prima delle elezioni decretò la fine del governo di Aznar.

Probabilmente Al Qaida ha tentato di mettere in ulteriore difficoltà il presidente che in questo periodo è già in cattiva luce a causa delle gravi difficoltà economiche che sta attraversando l’America.

Scrivi un commento

300

Leggi anche