Curiosità e varie: a chi apparteneva il cavallo Nelson?
Curiosità e varie: a chi apparteneva il cavallo Nelson?
Animali

Curiosità e varie: a chi apparteneva il cavallo Nelson?

cavallo Nelson

La storia delle grandi battaglie include anche i destrieri che hanno accompagnato gli eroi di guerra. Ecco la storia di Nelson.

Di animali diventati poi famosi, la storia è piena. Sono animali di specie diverse, che hanno accompagnato i grandi nomi in epiche battaglie e o che hanno ispirato indimenticabili poeti e abili narratori. Cani, gatti e cavalli che, per le loro qualità, si sono meritati essi stessi un posto nella storia. Quando si parla di cavalli, in modo particolare, non si può non pensare ai numerosissimi esempi di fidi compagni dei più grandi condottieri. Sono animali ricordati perché si sono resi protagonisti, insieme ai loro padroni, di guerre e scontri che hanno cambiato il corso della storia. Tra questi, noi vi chiediamo di spremere le meningi e cercare nella memoria il nome del celebre personaggio, fiero proprietario del cavallo Nelson. Qualche idea? Se non avete la risposta a portata di mano, ve la forniamo noi. Ecco la sua storia.

Il cavallo Nelson

Dunque, ve lo sveliamo. Il cavallo Nelson è stato uno degli storici destrieri di George Washington.

Esistono diverse descrizioni di Nelson, grazie alle quali possiamo affermare con certezza che avesse un manto color nocciola, con una macchia bianca sul viso e zampe dello stesso colore. Sappiamo anche che è stato di certo un cavallo piuttosto longevo per l’epoca. È morto, infatti, all’età di 27 anni, nel 1790. Le doti di cavallerizzo di Washington sono note, e sappiamo che nella sua scuderia erano presenti diversi stalloni. Nelson, però, era tra i suoi preferiti, tanto da portarlo spesso in guerra con lui.

Curiosità su Nelson

Nelson è dunque uno dei protagonisti animali della rivoluzione americana. Su di lui conosciamo anche qualche piccolo aneddoto. Sappiamo, per esempio, che è stato il regalo di un amico – Thomas Nelson, da qui il nome – a George Washington. Sappiamo che il generale lo preferiva agli altri perché sembrava non aver paura dei rumori forti e degli spari, e sappiamo che il Washington continuava ad andarlo a trovare anche quando era troppo vecchio per partecipare alle battaglie.

Le fonti sostengono, infatti, che Nelson abbia continuato a correre e muoversi anche durante la fase più tarda della vita.

George Washington

La fama del cavallo Nelson passa necessariamente attraverso l’incredibile importanza che George Washington ha ricoperto per la storia degli Stati Uniti. Come primo presidente della federazione americana e comandante dell’esercito continentale che ha combattuto nella guerra di indipendenza contro l’Inghilterra, la sua vita è diventata leggenda. Per gli statunitensi, Washington è l’incarnazione del patriota che li ha liberati dalla colonizzazione della Madre Patria. Come condottiero delle tredici colonie, infatti, è stato uno dei fondatori del sentimento indipendentista americano, e come tale è celebrato. Nel ritrarre quella che è, per il popolo americano, una leggenda, non si possono tralasciare nemmeno i particolari della sua vita da leader. Ecco perché, nel quadro generale, anche il cavallo Nelson ha la sua importanza strategica.

© Riproduzione riservata

1 Commento su Curiosità e varie: a chi apparteneva il cavallo Nelson?

Rispondi a Uranio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche