×

A Foggia si torna a sognare. Pisa: via Cuoghi, c’è Semplici

I suoi detrattori sostengono che sa far bene con poco a disposizione, e che delude quando c’è da vincere un campionato: Zdenek Zeman non ha fatto ancora nulla per cambiare questo postulato, ma a Foggia sono saliti sulla macchina del tempo. Ed in una Prima Divisione che parla sempre più rossonero, i satanelli, dopo anni di delusioni (eccetto la finale playoff persa rocambolescamente ad Avellino nel 2007), sono pronti quantomeno a lottare per i primi posti. Colpa certo di un girone che più di quello settentrionale ha pagato sul piano della qualità i tanti ripescaggi, ma la banda di giovani semi-sconosciuti del boemo continua a stupire.

Piegato il Benevento, fermatosi dopo dieci risultati utili, il derby di lunedì a Taranto sarà una gran bella vetrina per una regione che vede in difficoltà le proprie più illustri rappresentanti proprio nell’anno dell’atteso ricongiungimento in serie A.

E sarà una bella vetrina per tutta la Lega Pro, alle prese con un difficile momento di trapasso tra cambio di format e valori tecnici in picchiata. Davanti intanto la Nocerina non smette di stupire, anche se sulla vittoria di Foligno hanno pesantemente inciso gli errori dell’arbitro Pairetto jr: ma la compattezza e l’organizzazione dei molossi sono al di sopra di ogni polemica, nè il titolo d’inverno ormai vicinissimo potrà placare la voglia di emergere di una squadra ormai pronta a lottare fino alla fine.

Anche perchè dietro si arranca, dall’Atletico lontanissimo parente di quello di inizio stagione fino al Taranto, che attende ancora la prima vittoria di mister Dionigi. Il nome nuovo è allora quello del Siracusa, emblema di un girone indecifrabile: squadra allo sbando nel primo mese e mezzo di campionato, irresistibile dopo l’avvento di Ugolotti, pur con un organico quasi immutato rispetto a quello che in Seconda non centrò nemmeno i playoff.

Bassissima la qualità sul fondo della classifica, da cui non riesce a staccarsi il Pisa: ma il doppio imprevisto salto in alto non poteva non creare ripercussioni, anche se Cuoghi pagherà per tutti: ufficiale il suo esonero, il nuovo alelnatore dei neroazzurri è Leandro Semplici, reduce dall’esonero ad Arezzo ma artefice del miracolo Figline, condotto dalla D alla Prima Divisione.


Contatti:

Contatti:

Leggi anche