×

A Genova il primo Tech Transfer Day dedicato alla robotica

Genova, 27 giu. (askanews) – Una giornata per valorizzare i risultati della ricerca scientifica sulla robotica e l’importanza che può rivestire per il mercato e per le filiere industriali del nostro Paese. E’ il primo Tech Transfer Day, evento dedicato al trasferimento tecnologico, organizzato da Cdp Venture Capital ai Magazzini del Cotone di Genova.

Francesca Bria è la presidente di Cdp Venture Capital: “Il trasferimento tecnologico dalla scienza all’industria, dalla scienza al mercato è una parte fondamentale del ciclo di innovazione, per fare in modo che le invenzioni, la qualità della ricerca italiana, quindi anche il numero di brevetti e la qualità della nostre pubblicazioni, possa dar vita a delle nuove imprese innovative che possano avere un impatto anche sul mercato.

Siamo anche in una fase dove l’impatto è importante da una parte per digitalizzare le filiere strategiche produttive del Paese e dall’altra per la transizione verde e sostenibile che nel caso della robotica ad esempio è molto importante per la combinazione dell’intelligenza artificiale, la robotica e i nuovi materiali”.

In questo contesto Cdp Venture Capital ricopre un ruolo davvero strategico, come sottolinea la presidente Francesca Bria: “Cdp Venture Capital è un attore centrale per lo sviluppo dell’ecosistema di innovazione italiano e per lo sviluppo del mercato del venture capital.

Soprattutto nel technology transfer abbiamo un fondo dedicato di 275 milioni, a cui si aggiungono delle risorse per 130 milioni del fondo europeo di investimenti, quindi quasi 400 milioni per il trasferimento tecnologico”.

La scelta del capoluogo ligure per il primo Tech Transfer Day, a cui hanno partecipato il ministro della Ricerca Maria Cristina Messa, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il presidente di Cdp Giovanni Gorno Tempini ed il presidente dell’Istituto Italiano di Tecnologia Gabriele Galateri di Genòla, non è stata casuale ma legata alla presenza dell’Istituto Italiano di Tecnologia, hub scientifico di RoboIT, il Polo di Trasferimento Tecnologico lanciato lo scorso anno da Cdp Venture Capital in collaborazione con Pariter Partners e i principali centri di ricerca accademici italiani: l’Università Federico II di Napoli, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’Università degli Studi di Verona, oltre alla Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico e a Leonardo in qualità di partners.

Giorgio Metta è il direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia: “Abbiamo un ecosistema della robotica importante nel nostro Paese, abbiamo delle grosse possibilità. La robotica è sempre stata un cavallo di battaglia della nostra ricerca e RoboIT è il prossimo passo. Di fatto è quello che consentirà alla ricerca effettivamente di arrivare sul mercato, quindi un passo intermedio molto importante perché tipicamente quello che realizziamo rimane un po’ troppo chiuso nei laboratori. Invece dobbiamo portarlo verso le aziende, dobbiamo portarlo verso le applicazioni concrete e RoboIT è un mezzo per raggiungere questo scopo”.

Nel corso della giornata, all’interno di un’area demo dedicata, sono state infatti presentate alcune delle più promettenti tecnologie concepite da RoboIT e pronte per essere testate sul mercato. Tecnologie che confermano l’eccellenza dell’Italia nel campo della robotica: il nostro è infatti il terzo Paese al mondo per valore di esportazione di robot industriali, il sesto su scala globale per numero di unità robotiche e di robot installati e il secondo per qualità della ricerca scientifica nella robotica.

“La robotica ha un impatto molto importante in Italia con 7 miliardi di fatturato. Stiamo investendo 40 milioni nel polo della robotica con un effetto leva sperato di 100 milioni di euro in 4 anni per finanziare 50 nuove imprese innovative nel campo della robotica in Italia”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Contents.media
Ultima ora