×

A giudizio le maestre dei bimbi tolti ai genitori per disegni osè

La storia è nota. Due fratellini di Basiglio erano stati tolti ai genitori ed affidati alla custodia del tribunale dopo che a scuola erano stati ritrovati dei disegni osè. Per il fatto, che si è scoperto essere un errore giudiziario sono state rimandate a giudizio le due maestre, la preside dell’istituto, lo psicologo e l’ assistente sociale. La vicenda risale al marzo 2008 quando i due piccoli, una bambina di 9 anni e un ragazzino di 13, vennero allontanati dalla famiglia da parte dei servizi sociali, perché sotto il banco di scuola della bambina era stato trovato un disegno osé, che è risultato appartenere ad un’altra alunna. I due hanno trascorso 69 giorni in una casa d’accoglienza, prima di poter riabbracciare i loro genitori.

La preside della scuola elementare e le maestre devono rispondere di falsa testimonianza, perché non avrebbe detto subito davanti ai magistrati che il disegno era stato realizzato da un’altra alunna, in particolare la preside, secondo l’accusa, inviò una relazione ai servizi sociali pur sapendo che l’autrice del disegno era un’altra, mentre l’assistente sociale e lo psicologo sono accusati di lesioni colpose nei confronti del 13enne, poiché avrebbero fatto pressioni su di lui affinché confermasse i sospetti.

Scrivi un commento

300

Leggi anche