A Niscemi i No Muos fermano i lavori Usa - Notizie.it
A Niscemi i No Muos fermano i lavori Usa
Roma

A Niscemi i No Muos fermano i lavori Usa

Rosario Crocetta, il neo presidente della Regione Sicilia ha fermato il progetto Usa di costruire l’impianto Muos, avvertendo direttamente il dipartimento di Sigonella, senza informare il governo Usa. “Informerò Monti, ma ho deciso in autonomia” queste le sue asciutte parole.

Tutto è accaduto l’altro ieri notte quando a Belpasso( località del catanese) con destinazione Niscemi, il Comitato No Muos ha bloccato i camion e due gru che trasportavano il carico militare destinato alla base, contenente gli ultimi pezzi per completare il Muos ( il sistema satellitare statunitense). La barriera umana ha impedito il passaggio dei mezzi e inevitabilmente sono iniziati degli scontri con le forze dell’ordine che scortavano i militari usa.

L’italia, in quanto membro della Nato e partner importante per la sicurezza e la pace a livello internazionale, terrà beneficio dal Muos” . La nota dell’ambasciata Usa, che tenta di convincere l’opinione pubblica sui fantomatici benefici dell’impianto, non ha convinto nessuno, tantomeno Crocetta che non ha gradito l’improvvisa accelerazione dei lavori, considerando il fatto che giovedì scorso l’Assemblea siciliana aveva approvato la mozione del Pd in cui si chiedeva di revocare le autorizzazioni .

il presidente siciliano intende bloccare definitivamente i lavori, perché non vede chiarezza nel progetto che “non prevede un monitoraggio delle emissioni elettromagnetiche.

lo studio sull’impatto ambientale e sui rischi per la salute è stato infatti realizzato da uno studio d’ingegneria e non dall’istituto superiore di sanità, come sarebbe stato ovvio”

Sulla questione si era espressa anche la procura di Caltagirone , che lo scorso 6 ottobre aveva sequestrato i cantieri per violazione delle prescrizioni fissate dal decreto istitutivo della “Sugherata”, l’area protetta che tanto fa gola agli Stati Uniti e soggetta a forzature diplomatiche che hanno indotto il Tribunale di Catania a dissequestrare l’opera e dare il via al progetto avverso da tutti gli abitanti di Niscemi e dal consiglio comunale-

Il Muos, è una rete pensata per rendere più veloci gli scambi di informazioni militari Usa e conta attualmente quattro siti, in Virginia, alle Hawaii, in Oceania ed infine quello nostrano. Il progetto è nato nel 2011 quando, l’allora presidente della Regione Raffaele Lombardo, aveva dato via al sodalizio Usa, firmando un’intesa con il ministro della difesa Ignazio La Russa.

Oggi la volontà di persistere nel completamento dell’opera è stata espressa da Annamaria Cancellieri, secondo cui Niscemi rappresenta un’area di grande interesse strategico militare, peccato che questo interesse non coincida con quello dei cittadini italiani di cui il nostro governo continua a calpestare diritti e volontà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche