A Novara la Juve fa le prove della festa (4-0) - Notizie.it
A Novara la Juve fa le prove della festa (4-0)
Calcio

A Novara la Juve fa le prove della festa (4-0)

Happy hour al Piola. In una domenica che il pubblico novarese difficilmente dimenticherà la Juventus fa un altro seppur scontato passo verso lo scudetto per l’ufficialità del quale però, complice il contemporaneo successo del Milan a Siena, bisognerà aspettare almeno un’altra settimana, fino a domenica prossima quando, con ogni probabilità, la partita di Trieste contro il Cagliari darà il via ai festeggiamenti: prima ci sarà l’impegno di mercoledì sera contro il disperato Lecce. 4-0 ed altre quattro nitide occasioni da gol per l’inarrestabile squadra di Conte, il tutto davanti a quasi 250 gol della storia juventina seduti in tribuna, tra il presidente onorario Giampiero Boniperti, novarese doc, e nientemeno che Michel Platini, che in questa terra ha le origini (luogo di nascita dei nonni). Senza contare la presenza in panchina di Del Piero con il suo carico di altre 207 reti.

Ma alla Juve di oggi non servivano certo i personaggi simbolo della propria storia, men che mai di fronte ad un Novara non ancora aritmeticamente retrocesso ma certamente impotente di fronte alla consueta ferocia dei bianconeri.

Il pubblico di casa comunque, evidentemente pago dell’ultimo triennio dei propri beniamini, non si sogna neppure di contestare e partecipa rispettoso alla festa pre-scudetto della Juve, così come si limita a fare la squadra di Tesser, impotente vittima sacrificale. Ottava vittoria consecutiva allora per la capolista anche se i numeri, che parlano di ventitre gol fatti ed uno subito negli ultimi 720′, mettono in seria discussione la qualità del campionato italiano. Mattatore del pomeriggio Vucinic, che sblocca la partita alla sua maniera dopo un quarto d’ora inventandosi un interno sinistro al volo su punizione di Pirlo e che poi chiuderà il conto a metà ripesa riprendendo una respinta di Fontana su tiro di Giaccherini. In mezzo solo Juve eccetto un paio di conclusioni da fuori di Porcari e Mazzarani: ma se della capolista non possono certo stupire i gol e la superiorità tecnica, a meravigliare è la cattiveria agonistica che si respira in ogni contrasto, anche a risultato ormai acquisito, nel pressing alto fino al 90’.

Segnali di una mentalità vincente, primo ingrediente per una cavalcata esaltante.

Le altre reti di giornata portano la firma di Borriello, al secondo gol in tre giorni, che al 40’ corregge il cross di Giaccherini, e di Vidal che fissa il settimo gol stagionale al 5’ della ripresa raccogliendo una corta respinta di Fontana. Senza contare gli errori di mira di Giaccherini, almeno un paio nel primo tempo, e di Marchisio oltre ai vani tentativi dell’ex desaparecido Elia, scongelato sul 4-0 ma ancora a secco di reti. Ma non è certo questa la giornata dei rimpianti per una Juventus che comincia già a preparare la festa.

Novara-Juventus 0-4

Marcatori: 16’, 64’ Vucinic; 40’ Borriello; 50’ Vidal

Novara: Fontana; Dellafiore (46’ Garcia), Lisuzzo, Garcia, Paci; Porcari, Pesce, Gemiti; A. Mazzarani (67’ Radovanovic), M. Rigoni; Caracciolo (51’ Morimoto). (Coser, Centurioni, Rinaudo, Mascara). All.: A. Tesser.

Juventus: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal (56’ Padoin), Pirlo, Marchisio (60’ De Ceglie), Giaccherini; Quagliarella, Vucinic (65’ Elia). (Storari, Caceres, Del Piero, Quagliarella). All.: A.

Conte.

Arbitro: Celi (Bari)

Ammonito: Pesce.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche