×

A proposito di vampiri

Condividi su Facebook

I vampiri sono, nel folklore, esseri soprannaturali non morti. Si dice che si alzino dalla tomba e bisogna prendere misure specifiche per distruggerli in modo permanente.

Considerati creature fittizie, i vampiri sono generalmente descritti come seducenti, eleganti e avversari intelligenti. La maggior parte dei vampiri si nutre di sangue (umano e animale) e non possono sopravvivere alla luce naturale. I vampiri hanno i denti canini allungati che servono a trafiggere il collo delle loro prede. Nei ritratti, i vampiri sono associati al mistero, all’intrigo, al pericolo, all’erotismo e all’immortalità.

Storia

Provenienti dalle tradizioni del folklore germanico e rumeno, l’immagine moderna del vampiro è nata nel XVIII secolo e divenne popolare nel XIX.

Due dei pezzi di letteratura popolare sui vampiri sono “Il vampiro” di John Polidori e “Dracula” di Bram Stoker. Si noti che Stoker, autore irlandese, ha condotto un grande sforzo di ricerca in prima persona dentro e intorno la Transilvania, zona in cui viveva presumibilmente Dracula. Stoker utilizzò le paure locali e i racconti popolari nel suo avvincente romanzo che divenne molto popolare. Oggi, i vampiri si trovano nei libri “Twilight” di Stephanie Meyer, o in “Intervista col vampiro” di Anne Rice.

Quest’ultimo venne fatto su pellicola, aumentando la popolarità del vampiro. Famosi i programmi televisivi come “Buffy, l’ammazzavampiri” di Joss Wedon che esamina la complessità del vampirismo su più livelli umoristici.

Identificazione

Anche se ci sono diversi tipi di vampiri, la maggior parte ha alcuni tratti comuni e identificabili. I vampiri devono ingerire il sangue per sopravvivere, ed è più sano per loro (o di loro preferenza) il sangue umano.

I vampiri hanno canini esageratamente appuntiti che li aiutano ad incidere il collo per l’alimentazione. E’ possibile distruggere in modo permanente un vampiro, decapitandolo, metodo di solito preferito. I vampiri sono animali notturni e non possono sopravvivere alla luce naturale. Inoltre, i vampiri sono non morti, cioè sono morti e risorti, oppure sono stati uccisi intenzionalmente e trasformato in vampiri.

Tipi

Nelle fiction e nel folklore, sono diversi i tipi di vampiri esistenti.

Nonostante abbiano alcune cose in comune, i tratti dei vampiri tendono a variare a seconda delle paure della società in cui i loro racconti sono prevalenti. Per esempio, i vampiri folcloristici sono originariamente descritti come rubicondi, dalla pelle scura e gonfia. Questi vampiri riflettono i timori comune dell’essere sepolti vivi. I vampiri Stoker derivano dal “Dracula” di Stoker e sono creature raffinate e ricche. Dormono in una bara, escono solo di notte e hanno bisogno di essere invitati in una casa prima di poter entrare. Questi possono essere uccisi con un paletto di legno nel cuore e preferiscono trasformare in vampiri giovani e donne attraenti. Nella narrativa recente, i vampiri di Anne Rice condividono alcune caratteristiche dei vampiri Stoker, ma a questi non dispiacciono nè le croci nè l’aglio. Anche se si disintegrano alla luce naturale, sono veloci e lottano con i concetti di immortalità. Questi vampiri sono pallidi, venosi e moralmente complessi. I vampiri in “Buffy l’ammazzavampiri”, sviluppano improvvisamente una fronte increspata e i denti allungati. Essi devono essere invitati in una casa per entrare e possono essere ucciso per mezzo di palo di legno.

Significato

I vampiri riflettono le paure e le preoccupazioni della cultura dominante. Per esempio, la paura di essere sepolti vivi ha terrorizzato la gente per diversi secoli. In tempi più moderni, i vampiri cambiano leggermente in modo di riflettere le persone che vivono in una società e possono godere di storie che offrono uno sbocco illeciti per la seduzione. Anche se fuori dal tempo, le storie di queste creature cambiano leggermente riflettendo i tempi attuali.

Fraintendimenti

Molte persone credono che ci sia un solo tipo di vampiro di fantasia, ma questo certamente non è vero. Ogni narratore, autore, regista, storico può mettere il suo punto di vista sui vampiri. Inoltre, alcuni individui reali insistono che hanno specifiche condizioni mediche che causano loro di avere le voglie e tendenze di un vampiro.

6 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
NInni Guarnera
15 Dicembre 2012 18:25

Egregi Signori, avete avuto l'autorizzazione per l'utilizzo dell'immagine del Dracula di turno che sta per mordere la povera villanella ?

NInni Guarnera
17 Dicembre 2012 14:42
Risponde a  NInni Guarnera

per la cronaca , questa foto , mia ( foto di scena di Dracula , Teatro Garage – Genova) , con Luigi Marangoni e Mirella Maselli nella foto, è stata gentilmente "utilizzata" dagli amministratori del sito senza alcuna autorizzazione da parte mia o della produzione.
Che bastardi. E mi limito a definirli tali.

Dom E Nico
18 Dicembre 2012 13:08
Risponde a  NInni Guarnera

Io scriverei subito alla redazione!!! E cmq, dove possono averla reperita??

NInni Guarnera
19 Dicembre 2012 10:58
Risponde a  NInni Guarnera

scaricandola e pubblicandola senza autorizzazione. come fanno tutti i ladri.

Luca De Nardo
17 Dicembre 2012 17:22

Complimenti ai redattori di questo sito. Rispetto del diritto d'autore pari a zero.
Anche io, in quanto fotografo, mi unisco allo sdegno e allo schifo che nutro per questa totale mancanza di rispetto nei confronti dei lavori artistici altrui.
Fare cosi informazione è troppo facile…..
Mi auguro che rimuoviate l'opera di NInni Guarnera al più presto e porgiate pubbliche scuse al fotografo.

Luca De Nardo
17 Dicembre 2012 17:22

Complimenti ai redattori di questo sito. Rispetto del diritto d'autore pari a zero.
Anche io, in quanto fotografo, mi unisco allo sdegno e allo schifo che nutro per questa totale mancanza di rispetto nei confronti dei lavori artistici altrui.
Fare cosi informazione è troppo facile…..
Mi auguro che rimuoviate l'opera di NInni Guarnera al più presto e porgiate pubbliche scuse al fotografo.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.