×

A Strasburgo museo aperto ma solo ai donatori di sangue per una raccolta di emergenza

A Strasburgo museo aperto ma solo ai donatori di sangue per una raccolta di emergenza: i 198 posti disponibili sono stati prenotati in pochissimo tempo

Uno scatto dell'interno del museo

A Strasburgo il museo di arte moderna e contemporanea aperto ma solo ai donatori di sangue per una raccolta di emergenza. L’iniziativa è di quelle da incorniciare, iniziativa dove arte e solidarietà vanno a braccetto con il già quotatissimo Mamcs. Perché in Francia non c’è solo il Louvre e il museo alsaziano ha offerto, come recita un’azzeccato slogan, “Una breve boccata d’aria e d’arte” abbinata a un gesto di solidarietà.

Ma cosa è successo di preciso?  La capitale della suggestiva Alsazia ospita lo splendido Museo d’arte moderna e contemporanea. Ebbene, il Mamcs ha riaperto le porte dopo mesi di chiusura soltanto per la giornata del 12 aprile e soltanto a chi avesse aderito ad una iniziativa mirata. 

Museo aperto ai donatori di sangue: prelievo e tour

Quale? Una campagna di donazione sangue allestita ad hoc entro le sue mura. E c’è stato un premio, e che premio! Una volta ultimata la procedura eseguita su una dozzina di lettighe allineate, i donatori hanno ricevuto non solo il classico brunch di conforto dopo il prelievo di circa mezzo litro di sangue.

No, ai donatori-visitatori è stata offerta la possibilità di godersi un tour personale alla scoperta (o riscoperta, come sottolinea giustamente Repubblica) di opere importanti “di Niki de Saint Phalle, Gustave Doré, Claude Monet o Paul Signac”. 

Prenotazioni tutte esaurite in poche ore

Il successo dell’iniziativa sta tutto nelle parole di una docente 54enne all’agenzia frencese Afp: “È magnifica, questa sensazione di aver fatto un’opera di bene e contemporaneamente poter assaporare la bellezza”.

La signora infatti, che ha donato il sangue con sua figlia di 19 anni, ha visitato tutte le 7 sale aperte per l’occasione. Ed era in ottima compagnia, visto che i 198 posti disponibili per donare sangue nel museo dalle 12.30 alle 18.30, sono andati esauriti. A dimostrazione inconfutabile del successo dell’iniziativa.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora