×

Abruzzo, morto di Covid il 41enne Alberto Valentini, i familiari: “Stava bene fino a 2 ore prima”

I familiari di Alberto Valentini, giovane di Tagliacozzo (Abruzzo) morto di Covid, ha presentato un esposto in procura per accertare le cause del decesso.

Covid, la famiglia di Alberto Valentini presenta un esposto in procura

Dubbi da parte della famiglia sulla morte di Alberto Valentini, il giovane deceduto a soli 41 anni a causa del Covid pur non avendo malattie pregresse. 

La morte di Alberto Valentini

Venerdì, 16 aprile, la notizia della scomparsa di Alberto ha lasciato l’intera comunità di Tagliacozzo senza parole.

L’uomo, che da poco aveva compiuto 41 anni, è spirato all’ospedale di Avezzano a causa del Covid, a poche ore di distanza dal papà Giovanni, morto nella giornata di mercoledì all’età di 73 anni.
I due erano molto conosciuti in tutta la Marsica per via della loro bancarella nel mercato locale.

La denuncia della famiglia

In seguito al decesso di Alberto, i familiari, assistiti dagli avvocati Luca e Pasquale Motta, del foro di Avezzano, hanno inviato un esposto alla procura di Avezzano e chiedono che venga effettuato sulla salma l’esame autoptico.
 Nell’esposto presentato alla magistratura i legali di fiducia raccontano l’evoluzione della malattia: 

Il 9 marzo Alberto è stato ricoverato all’ospedale di Avezzano per  coronavirus anche se non aveva patologie ed era un vero sportivo. Le sue condizioni, fino al 16 aprile, sono state sempre buone. Durante la sua permanenza in nosocomio effettuava chiamate con il suo cellulare e mandava messaggi agli amici e questo fino a due ore prima della sua morte». 

A quanto pare infatti, l’ultimo contatto con degli amici sarebbe stato intorno alle 18.30, poi la notizia della sua morte ha gettato nello sconforto quanti lo conoscevano. 

Per questo motivo inoltre, nell’esposto, la famiglia ha avanzato la richiesta di acquisire le cartelle cliniche e di accertare se ci siano state omissioni o errori da parte del personale medico:

Considerato che in virtù della sua giovane età, del pregresso ottimo stato di salute di sportivo, del fatto che egli sia deceduto in un paio d’ore, passando da una condizione di assoluta gestibilità a una morte inspiegabile e improvvisa, si chiede che la procura della Repubblica di Avezzano valuti se nei fatti, atti e comportamenti siano rinvenibili fattispecie penalmente rilevanti procedendo, in caso affermativo, nei confronti dei soggetti responsabili, effettuando necessariamente l’autopsia sul cadavere del giovane e nel contempo acquisire tutte le cartelle cliniche in modo da valutare che vi siano stati errori o omissioni da parte delle personale deputato.

Il cordoglio della comunità

Sotto choc per il tragico accaduto, il Sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio,  ha espresso, con una nota su Facebook, il suo dispiacere e il cordoglio dell’intera comunità:

 Alberto era una persona riservata e buona, sportiva e amante della natura. La notizia della sua improssiva morte ha scosso l’intera comunità. Il papà Giovanni, mancato qualche ora fa, e la mamma Nunziatina, mancata qualche anno fa, l’hanno chiamato a sé, evidentemente gli uni non potevano vedersi divisi da lui e lui non poteva restare senza di loro. Nella tragedia umana di una famiglia dissipata dal Covid e dal male, consideriamo il ricongiungimento in Cielo di queste tre belle persone, da tutti qui a Tagliacozzo, conosciute, stimate e ben volute. Il Signore della Vita li tenga stretti nell’abbraccio della pace.

Contents.media
Ultima ora