Adem Ljajić, chi è il calciatore numero 22 della Serbia - Notizie.it
Adem Ljajić, chi è il calciatore numero 22 della Serbia
Sport

Adem Ljajić, chi è il calciatore numero 22 della Serbia

Adem Ljajić
Adem Ljajić

Adem Ljajić è il centrocampista del Torino e della nazionale serba nei Fifa World Cup di Russia 2018, dove indossa il numero 22

Adem Ljajić è nato a Novi Pazar il 29 settembre 1991, centrocampista del Torino e della nazionale serba. E’ cresciuto nel Partizan, la stessa squadra con la quale ha esordito tra i professionisti e ha vinto il campionato e una coppa di Serbia. I genitori sono bosniaci, che è un gruppo etnico dominante nella zona, da qui la religione musulmana a cui appartiene. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori al mondo di Don Balón nati dopo il 1989.

Adem Ljajić

Adem LjajićAdem Ljajić è un trequartista che serve anche da seconda punta o da esterno offensivo. Quella del trequartista è chiamata terra di mezzo perché fa transitare il pallone da una fase preparatoria a una conclusiva. Poi la seconda punta è il più comune attaccante, e l’esterno offensivo che è quella figura a centrocampo che sta all’esterno e non nel mezzo.

E’ soprannominato “il Kaká dell’Est” perché le sue movenze ricordano molto l’ex calciatore brasiliano.

La sua rapidità e il suo talento nel gioco del dribbling lo rendono capace di saltare l’uomo. Inoltre anche capace di tirare da grandi distanze, una qualità che lo avvantaggia nel tirare facilmente e abilmente le punizioni. Date queste capacità è più spesso piazzato come esterno sinistro d’attacco. Al fine di fare quei brevi movimenti che permettono di rientrare verso l’area di rigore, saltare l’uomo e tirare il destro negli ultimi 20 metri.

Carriera

Adem Ljajić ha giocato negli Under-19 e poi ha debuttato negli Under-21 contro l’Ungheria. Fa il suo esordio da titolare nella Nazionale maggiore in un amichevole contro la Bulgaria, novembre 2010.

Fu protagonista di una grande polemica nel 2012 perché si rifiutò di cantare l’inno nazionale prima della partita contro la Spagna. Avvenimento che obbligò mediaticamente il CT Mihajlović ad annunciare di non convocarlo più finché non si sarebbe deciso a rispettare questa tradizione.

Il calciatore si è giustificato dicendo di non aver voluto cantare l’inno per motivazioni personali senza ulteriori spiegazioni. Ma la causa può ricercarsi nelle sue origini balcaniche e musulmane. Rientra nella nazionale nel 2014, giusto in tempo per gli Europei 2014 e per questi Mondiali 2018.

Convocato nella nazionale serba nei Fifa World Cup di Russia 2018, Adem Ljajić porta il numero 22. Dimostra di essere un bravissimo marcatore, nella classifica viene persino prima del suo compagno Belotti, il gallo. Ma dimostra anche di essere un vero leader, sia in campo che fuori dallo stesso. Infatti lo abbiamo visto prendersi la responsabilità della mancata qualificazione all’Europa League, anche di ciò che non lo riguardava, in conferenza stampa. Lo dimostra anche festeggiando le vittorie con tutta la squadra perché, con le sue stesse parole “non siamo un gruppo di undici giocatori ma di ventitrè. Allora è stato giusto andare ad esultare con tutti, perché sono tutti importanti”. Dopo il suo periodo di fermo dalla nazionale, inoltre, oggi può dimostrare la sua grandezza a livello mondiale.

Vita privata

Adem Ljajić è fidanzato con una sexy modella serba, Sofija Milosevic, la ragazza fa impazzire i fan con i suoi scatti social.

Infatti la vediamo su Instagram pubblicare anche post in cui lei è in intimo e pose sexy. La ragazza ha 28 anni, è nata nel marzo del ’90. Lavora come modella da quando aveva 14 anni, oggi tra Milano e New York per marchi conosciutissimi come Diesel e Jeremy Scott. Prima di diventare wags era fidanzata con un tennista, Viktor Troicki, ma anche con il figlio di un tennista precedentemente, Filip Živojinović. Dopo il liceo la ragazza ha studiato alla Business School of English negli Stati Uniti. La sua icona di stile è Naomi Campbell, vorrebbe lavorare per Victoria’s secret e il suo scrittore preferito è Dostoevsky.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche