×

Aereo con 107 passeggeri si schianta dopo il decollo

L'incidente è avvenuto all'aeroporto nazionale dell'Avana, Cuba. Non si hanno ancora notizie riguardo ai 107 passeggeri a bordo.

incidente cuba

Un boeing 737 con 107 passeggeri a bordo è precipitato venerdì 18 maggio a Cuba, dopo essere decollato alle 11 (ora locale) dall’aeroporto Internazionale dell’Avana Jose Martin. L’aereo appartiene alla compagnia di stato.

L’incidente e i feriti

Il velivolo, schiantatosi nei pressi di un campus di una scuola superiore, era diretto nella parte orientale del paese, verso la città di Holguin. L’areo è precipitato, secondo la televisione di stato cubana, nell’area compresa tra la località di Boyeros e il paese di Santiago de La Vegas; la zona si trova a venti chilometri a sud dell’Avana. Non è ancora chiara però la dinamica dell’incidente. I media locali riferiscono che l’aereo giace su un’area verde e i vigili del fuoco stanno lavorando assiduamente per spegnere le fiamme.

Il velivolo, sempre secondo quanto affermano le testate cubane riprese da quelle internazionali, appare gravemente danneggiato e bruciato.

Al momento non è ancora noto se vi siano dei feriti o delle vittime. Jose Ramon Cabanas, ambasciatore cubano presso gli Stati Uniti, ha annunciato sui social media che le persone a bordo, tra passeggeri e personale, sarebbero 104 (107 per il Daily Star). Il loro destino è ancora incerto. Le autorità cubane hanno chiesto ai parenti delle persone a bordo di mettersi in contatto, tramite due linee telefoniche, con uffici competenti.

I soccorsi

Diversi ufficiali delle forze dell’ordine e alcuni rappresentanti del governo hanno raggiunto il luogo dello schianto, insieme alle squadre dei vigili del fuoco e dei soccorritori, che ancora stanno lavorando. Secondo Express, anche il Presidente Miguel Diaz- Canel sarebbe presente.

Sempre la stessa testata riferisce che il Presidente avrebbe parlato di “un alto numero di vittime” ma Express nota che non è stato ancora pubblicato alcun comunicato ufficiale. Dopo lo schianto, come si vede nelle immagini riprese dai testimoni e postate sui social network, si è alzata una spessa colonna di fumo dall’aereo visibile, secondo alcuni testimoni, anche nella periferia della capitale cubana. Seguiranno eventuali aggiornamenti.

Aggiornamento

Il bilancio dell’incidente aereo odierno si è notevolmente aggravato. I passeggeri a bordo del velivolo schiantatosi poco dopo il decollo erano 104, più nove membri dell’equipaggio: sono solo tre i sopravvissuti, ricoverati in ospedale in gravi condizioni a causa delle ustioni riportate dopo l’impatto con il terreno e l’incendio che ne è scaturito.

Non è stata ancora precisata l’identità delle vittime. Pare che tra il personale vi fossero sei cittadini messicani. L’Unità di Crisi della Farnesina è in stretto contatto con l’Ambasciata italiana all’Avana per verificare se tra i deceduti vi siano nostri connazionali.

Un altro incidente

Un tragico precedente si era verificato il 3 settembre 1989 quando il volo internazionale Cubana T1281 si schiantò al suolo. Il velivolo della Cubana de Aviaciòn, diretto all’Aeroporto di Colonia/Bonn, precipitò appena dopo la partenza dall’Aeroporto Internazionale dell’Avana (Cuba). Il bilancio dell’incidente fu drammatico. I morti furono 171 tra passeggeri, personale di bordo e persone decedute a terra, colpite dallo schianto. Tra i 115 passeggeri deceduti, 113 erano di nazionalità italiana. L’inchiesta che aveva seguito l’incidente riportò che le responsabilità erano da addossare al pilota. Quest’ultimo infatti aveva dato il via alle operazioni di decollo, nonostante le condizioni atmosferiche lo sconsigliassero. L’uomo si dimostrava convinto che il tempo sarebbe peggiorato, aveva riferito il personale della Torre di controllo. In realtà, accadde tutto il contrario: il maltempo si attenuò ma l’errore di valutazione fu fatale.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche