×

Afghanistan ai talebani, l’immediato cambio d’abito della giornalista CNN Clarissa Ward

Un meme diffuso online mostra l’immediato cambio d’abito della giornalista della CNN, Clarissa Ward, dopo l’arrivo dei talebani a Kabul.

Meme

Sul web, è diventato virale un meme che ritrae la giornalista americana della CNN Clarissa Ward, capo dei corrispondenti internazionale, a Kabul. Attraverso le immagini diffuse online, infatti, è possibile osservare come, a distanza di sole 24 ore, l’abbigliamento della professionista sia drasticamente mutato in seguito all’arrivo dei talebani nella capitale afghana.

Afghanistan ai talebani, l’immediato cambio d’abito della giornalista CNN Clarissa Ward

A partire dalla giornata di domenica 15 agosto, con l’arrivo degli integralisti islamici a Kabul, i portavoce dei comandanti talebani avevano diramato proclami e rassicurazioni circa le sorti della popolazione afghana. Le parole e le promesse degli estremisti, tuttavia, non sono state considerate attendibili né in contesto locale né in contesto internazionale. In particolare, con il trascorrere delle ore, cresce con sempre maggiore intensità la preoccupazione nei confronti di quella che sarà la sorte delle donne.

Un primo esempio del cambiamento in atto che sta già travolgendo il mondo femminile in Afghanistan è rappresentato dal meme diffuso online e rapidamente diventato virale che ritrae la giornalista della CNN Clarissa Ward con un abbigliamento rivoluzionato a sole 24 ore di distanza dal ritorno al potere dei talebani.

Afghanistan ai talebani, il meme sulla giornalista Clarissa Ward diffuso online

Il meme con protagonista l’inviata a Kabul della CNN mette a confronto due diversi scatti che raffigurano Clarissa Ward.

Il primo, che precede il ripristino del regime talebano in Afghanistan, mostra la giornalista mentre indossa abiti tipicamente occidentali ed esibisce il capo scoperto che mette in mostra i capelli biondi, tenuti raccolti. Il secondo scatto, invece, ritrae la professionista con un abito nero noto come abaya e con uno hijab nero, ossia il tradizionale velo islamico che nasconde fronte, orecchie, nuca, capelli e collo.

Una simile differenza tra “prima” e “dopo” è stata imputata da chiunque abbia visto il meme al recente insediamento dei talebani a Kabul.

Sulla vicenda, tuttavia, è intervenuta la diretta interessata che ha voluto precisare alcune circostanzeche rivelano una maggiore contestualizzazione rispetto agli scatti diffusi.

Meme

Afghanistan ai talebani, le precisazioni della giornalista Clarissa Ward sul meme

Sul suo account Twitter, la giornalista della CNN Clarissa Ward ha scelto di commentare il meme divenuto virale online, spiegando: “Questo meme è impreciso. La foto in alto è all’interno di un complesso privato. Quella in basso è per le strade di Kabul detenute dai talebani. In precedenza, indossavo sempre un foulard per la strada a Kabul, anche se non con i capelli completamente coperti e con l’abaya. Quindi c’è una differenza, ma non così netta”.

Inoltre, l’inviata della CNN a Kabul, raccontando il cambiamento in atto nella capitale nel corso delle ultime 24 ore, ha dichiarato: “Questo è uno spettacolo che onestamente credevo che non avrei mai visto. Decine di combattenti talebani, e proprio dietro di noi, davanti all’ambasciata degli Stati Uniti”.

Quanto John Berman e Brianna Keilar, conduttori di New Day, hanno chiesto alla collega di descrivere il cambiamento tra le vie di Kabul, Clasirra Ward ha rivadito di aver notato soprattutto talebani in strada. Tra i civili, invece, erano presenti principalmente uomini. A questo proposito, il capo dei corrispondenti internazionali della CNN ha precisato: “Ho visto alcune donne, ma molte meno di quante ne vedrei normalmente camminare per le strade di Kabul. E le donne che vedi camminare per le strade di Kabul oggi tendono ad essere vestite in modo più conservativo rispetto a quando camminavano per le strade di Kabul ieri. Ho visto più burqa oggi di quanti ne vedessi da un po’. Ovviamente anche io sono vestita in un modo molto diverso da come mi vestirei normalmente per camminare”.

Infine, la giornalista ha anche rivelato che la sua presenza ha generato tensione tra i talebani che ha avuto modo di incontrare, ammettendo: “A un certo punto mi è stato chiesto espressamente di farmi da parte in quanto donna – e ha concluso –. Figuriamoci come potrà essere la situazione tra due mesi”.

Contents.media
Ultima ora